Women in jazz, la pianista tedesca Johanna Summer in concerto giovedì al Margherita

Quarto appuntamento della stagione “Women in Jazz – Nissa Jazz Festival” Giovedì prossimo 17 Marzo alle ore 21 al Teatro Comunale Regina Margherita con il concerto della pianista tedesca Johanna Summer, che si esibirà nel suo progetto “Schumann Kaleidoscope”.

La stagione di concerti tutta al femminile, è organizzata in collaborazione con l’associazione Catania Jazz, e prevede 7 concerti sino a Maggio 2022, mese nel quale si esibirà per chiudere la rassegna la cantante israeliana NOA. Si può acquistare il singolo biglietto, scegliendo il posto unico riservato di € 15,00 prevendita inclusa online su https://www.diyticket.it/events/Musica/5903/johanna-summer-women-in-jazz  e al botteghino la sera del concerto. Anche a questo concerto sarà possibile aderire alla proposta dell’associazione Musicarte e di Catania Jazz dell’”Abbonamento al buio” per i concerti della prossima stagione 2022/2023, con diritto per gli abbonati di mantenere i posti assegnati nella stagione corrente.

Che si tratti di brani classici, composizioni originali o standard jazz, Johanna Summer riesce sempre a sviluppare una narrativa ampia e dinamica, a volte delicata e fragile, a volte piena di tensione e ritmicamente avvincente o irresistibilmente melodiosa. Allo stesso tempo, all’ascoltatore Johanna non da mai l’impressione di essere interessata a mostrare quante più idee possibili o a presentarsi come una virtuosa. Tutto avviene nello spirito della narrazione musicale, con una visione estremamente matura e lungimirante della drammaturgia, della dinamica, della tensione e dell’atmosfera.
La Süddeutsche Zeitung chiama semplicemente il risultato “una piccola sensazione”, la rivista Downbeat “un debutto unico, degno di lode nella sua ricerca di unire i generi” e la rivista Jazz thing descrive Summer come “una pianista di un carattere molto speciale, virtuoso, sottile e filigranato”. Jazz, musica classica e free-play – Johanna Summer crea la sua musica fuori dal momento, ed è una vera esperienza ascoltarla.

Una nuova stella nel paradiso del pianoforte”, scrive l’icona del pianoforte Joachim Kühn sulla sua giovane collega Johanna Summer. E il poeta del pianoforte Malakoff Kowalski esulta: “Scandalosamente brava. Sono elettrizzato e stupito da Johanna Summer. Un’artista che sembra perseguire senza paura la propria musica”. Raramente un album di debutto di una giovane strumentista ha suscitato reazioni così entusiastiche come “Schumann Kaleidoskop” della pluripremiata pianista berlinese Johanna Summer. Nell’album utilizza la musica di “Kinderszenen” e “Album für die” di Robert Schumann Jugend” come punto di partenza per improvvisazioni completamente libere, creando così una musica completamente nuova ad ogni corsa.

Il fatto che Johanna Summer si cimenti con il pianoforte solo per il suo debutto, dimostra che è un’artista che non va mai per la strada facile.

Commenta su Facebook