Home News Scuola Caltanissetta, all’istituto “Luigi Russo” si fa prevenzione con il “Progetto Martina”

Nelle due giornate di sabato 18 e 25 novembre presso l’IISS “L. Russo”, diretto dalla Dirigente prof.ssa Maria Rita Basta, si è svolto un incontro-lezione rivolto a tutte le classi terze degli indirizzi Biotecnologie Sanitarie, Relazioni Internazionali per il Marketing e Liceo Linguistico, per la presentazione del “Progetto Martina” nato per dare seguito al testamento lasciato da Martina, una giovane donna colpita da un tumore alla mammella, che adesso non c’è più ma che prima di morire ha chiesto espressamente di informare ed educare i giovani ad avere maggiore cura della propria salute e maggiore attenzione del proprio corpo. L’iniziativa patrocinata dal Senato della Repubblica, dal Ministero della Salute, dal MIUR, dalla LILT, dalla Fondazione Veronesi e dall’Associazione Europa Donna è stata favorevolmente accolta dai medici del Lions Club che hanno deciso di farlo diventare un progetto nazionale andando nelle Scuole a parlare di tumori ai giovani con la convinzione che “La lotta contro i tumori si vince con la cultura” e la scuola è quindi il luogo ideale essendo essa stessa la culla della cultura. Con il coordinamento della referente del Progetto Educazione alla salute, prof.ssa Paola Garito, sono intervenuti il Dott. Michele Vitale, Presidente del LIONS CLUB di Caltanissetta, e il Dottore Marco Maira che si è intrattenuto a parlare con gli studenti, utilizzando delle slide per rendere la comunicazione più efficace, dando loro informazioni generali sui tumori e sulle principali azioni da realizzare per combatterli: prevenzione primaria eliminando i “fattori di rischio”; diagnosi tempestiva; terapia efficace. Si è anche soffermato a parlare di alcuni tumori, in particolare i melanomi e il tumore al testicolo che possono colpire i giovani, il tumore alla mammella e al collo dell’utero, il tumore  alla tiroide e i linfomi. Numerose le domande e gli interventi da parte degli studenti particolarmente stimolati e interessati nei confronti dei vari temi trattati che peraltro per l’indirizzo biotecnologie sanitarie costituiscono oggetto di studio nel corso del triennio. Alla fine dell’incontro agli studenti è stato somministrato un questionario anonimo ai fini statistici e consegnato un pieghevole a colori con la sintesi delle informazioni ricevute. Educare i giovani a considerare la vita un bene prezioso, a sentirsi impegnati in prima persona nella sua difesa e a trasferire le informazioni ricevute alla famiglia e agli amici è un impegno prioritario dei Lions in tutto il mondo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Reply