Home News Cronaca Differenziata porta a porta. Conferenza di servizi al Comune per analizzare le...

Si è tenuta giovedì pomeriggio a Palazzo del Carmine una conferenza di servizi convocata dal sindaco, Giovanni Ruvolo, per fare il punto sullo stato d’attuazione della raccolta differenziata porta a porta nella zona “A” (centro storico, Santa Barbara e aree limitrofe) e discutere delle criticità emerse, approntando i possibili rimedi. A prendere parte alla conferenza di servizi, oltre al sindaco, l’assessore all’Ambiente, Maria Grazia Riggi, l’assessore con delega alla Polizia municipale, Felice Dierna, l’assessore allo Sviluppo economico, Giovanni Guarino, il dirigente della ripartizione Ambiente ed energia, Giuseppe Dell’Utri, il responsabile dell’esecuzione del servizio per conto del Comune, Giovanni Marchese, il rappresentante della società Cl.Ambiente, Rosario Lapaglia, il comandante della Polizia municipale, Diego Peruga, il presidente provinciale dell’Anaci, associazione di categoria che riunisce gli amministratori di condominio, Michele Dinatale.

«Ho deciso di tenere la conferenza di servizi perchè è uno strumento che consente di acquisire informazioni e assumere decisioni che riguardano diversi soggetti coinvolti nella raccolta differenziata– spiega il sindaco Giovanni Ruvolo – per questo motivo abbiamo invitato anche i rappresentanti degli amministratori di condominio e già la prossima settimana l’amministrazione incontrerà tutte le altre sigle».

Una delle principali criticità riscontrate nei primi giorni in cui il porta a porta è entrato a regime, dopo la rimozione dei cassonetti stradali, è quella riguardante i condomini con più di cinque utenze. Per quelli fino a cinque utenze il ritiro dei rifiuti avviene a domicilio tramite i mastelli distribuiti dalla società incaricata. Per i condomini più grandi è invece previsto l’utilizzo dei bidoni carrellati. Come evidenziato in questi giorni, dopo avere esaurito le scorte, la società ha già ordinato altri carrellati che saranno consegnati entro dieci giorni dalla data odierna. Nessun problema di scorte, invece, per i mastelli.

Per quanto riguarda il porta a porta in zona “A”, durante la riunione si è ribadito che i bidoni carrellati vengono consegnati per il conferimento del vetro (colore verde) e dell’umido (colore marrone). Per la raccolta differenziata di carta, plastica e frazione secca residua vanno utilizzati i sacchetti. I rifiuti separati alla fonte vanno conferiti, secondo le tipologie stabilite con ordinanza sindacale, nei giorni e negli orari comunicati all’utenza.

«Se si sbaglia il giorno di conferimento rispetto ad una tipologia di rifiuto, posizionando ad esempio il vetro nel giorno in cui è previsto il ritiro della carta, la conseguenza è che il sacchetto non viene ritirato e si è passibili di multe – ha detto il sindaco -. Soprattutto si vanifica il lavoro di chi fa correttamente la differenziata, per questo invito tutti alla massima collaborazione pur consapevoli delle criticità iniziali che comporta una rivoluzione di questa portata».

Da venerdì 13 aprile è operativo il terzo punto di ritiro dei mastelli in piazza Grazia, dove la società Cl.Ambiente ha allestito un camper. Il punto di distribuzione di piazza Grazia si va ad aggiungere a quello di corso Vittorio Emanuele (ex farmacia comunale al piano terra di Palazzo del Carmine) aperto tutti i giorni, dal lunedì al venerdì anche il pomeriggio, ed al tradizionale punto di ritiro presso la sede della società nella zona industriale di contrada Calderaro.

Il sindaco ha dato mandato al comandante della Polizia municipale di disporre più estesi controlli contro l’errato conferimento (rifiuti non separati, orari non rispettati per la zona “A”) che prevede una multa da 25 a 500 euro e per contrastare l’abbandono di rifiuti (fattispecie più grave che prevede una sanzione da 300 a 3mila euro). Oltre alle squadre di vigili preposti, tutte le pattuglie della Pm sono state allertate ad effettuare controlli, anche la sera.

Per l’utilizzo dei bidoni carrellati è stato sottolineato come questi debbano essere esposti in area pubblica soltanto negli orari indicati. Entro le ore 12,00 è previsto il ritiro da parte degli operatori ecologici e successivamente devono essere riportati in zone comuni dei condomini. Eccezionali deroghe potranno essere valutate solo per i condomini che dimostrano di non avere alcuno spazio privato dove collocare i bidoni durante il giorno.

Sempre in zona “A” per le attività commerciali come ristoranti, rivenditori di frutta e bar, la raccolta dell’umido avviene quotidianamente. Per gli uffici e le scuole, che hanno manifestato il problema di non poter esporre i rifiuti prima dell’orario di lavoro dei dipendenti addetti, è stata concordata una deroga per l’orario di conferimento fino alle 8,30 del mattino.

«Ho costatato personalmente, nei sopralluoghi effettuati, la presenza di sacchetti per terra che testimoniano delle criticità, ma dobbiamo fare dei distinguo necessari – conclude il sindaco -. Il sacchetto con la carta o la plastica, ad esempio, lasciato davanti l’uscio di un’utenza domestica è la normalità in molte realtà che hanno scelto il porta a porta di prossimità. Quel sacchetto, se poggiato fuori dall’orario o per una tipologia per cui quel giorno non è previsto il ritiro, non sarà prelevato. Al contrario, se tutti facciamo il nostro dovere entro le prime ore del mattino tutti i sacchetti saranno ritirati».

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

error: