Vuole vedere i figli, ma è interdetto e la serata finisce a cazzotti. Arrestato stalker

380

Arrestato un pregiudicato, già colpito da ammonimento, per stalking. Voleva vedere i figli a tutti i costi, nonostante il divieto del Tribunale.

Nel corso della serata di ieri i poliziotti della Sezione Volanti, hanno tratto in arresto M.R., nisseno classe ’82, per stalking nei confronti della ex moglie dal quale è separato. L’uomo era già ammonito dal Questore di Caltanissetta per stalking in data 22/04/2013, nonché già tratto in arresto per lo stesso reato il 12 maggio scorso.

L’intervento della Polizia su segnalazione al 113, in Vicolo Indorato, per la presenza di una persona molesta.

Sul posto, un folto gruppo di persone intente a discutere animatamente tra di loro. Alla vista della Polizia molti si dileguavano e un’autovettura si allontanava.

Venivano identificati quindi M.R. e suo fratello, oltre a diversi componenti della famiglia dell’ex moglie.

Il presunto stalker, già nel pomeriggio si era recato presso l’abitazione dei cognati per vedere i suoi tre figli, nonostante la disposizione del Tribunale di Caltanissetta, prevedesse la possibilità da parte del padre di vedere i figli esclusivamente in ambiente protetto sotto l’osservazione dei servizi sociali, ma la cognata lo aveva allontanato.

Quindi il padre, chiedendo l’aiuto del fratello, nelle ore serali è tornato con lo stesso intento, ovvero di vedere i figli. La richiesta ha provocato la reazione degli altri componenti della famiglia e ne è nato un parapiglia con alcuni cazzotti.

Il cognato di M.R., B.S. Di 42 anni, è stato denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale per il reato di porto ingiustificato di strumenti atti all’offesa, poiché trovato in possesso di un tubo in gomma della lunghezza di 1 metro, usato per difendersi dall’aggressione dell’arrestato.

Di recente è stata introdotta l’ipotesi dell’arresto obbligatorio, e non più facoltativo, per gli stalker, rendendo la querela irrevocabile e introducendo delle aggravanti per le ipotesi di maltrattamenti in famiglia, violenza domestica.

Commenta su Facebook