"Vorrei essere me". Al Liceo Classico studenti e ristretti, attori contro i privilegi dei "figli di…"

652

Stefania Zigarella - Vorrei essere meEsiste un “mondo” che la maggior parte di noi non conosce. Un mondo recintato e sorvegliato dove ogni cosa che si fa deve essere autorizzata e dove poco o nulla viene concesso all’interpretazione personale al di là, naturalmente, dei poteri riconosciuti a chi deve tenere le redini  della struttura. Si chiama Istituto Penale per i Minorenni ed ospita i ragazzi che, forse per colpa della Società stessa, hanno sbagliato e stanno scontando la pena loro inflitta.

“La mattina si svegliano all’ora stabilita, fanno colazione, a metà mattinata la merenda, poi le due ore d’aria cui hanno diritto, poi il pranzo, il riposino, la merenda e infine la cena. Alcuni di loro, probabilmente, prima di entrare in Istituto,  non potevano certo permettersi questa regolarità, e per certi versi, paradossalmente, potrebbe apparire, come una situazione di comodo. Invece, all’interno di quella recinzione, si vivono le emozioni e i desideri che tutti i ragazzi provano. Con la differenza che gli ospiti dell’Istituto, prima di realizzarne qualcuno, dovranno aspettare di avere scontato la pena. Ma quelle emozioni con tutte le loro varianti, le domande che spesso si rivolgono all’anima quasi fosse un’interlocutrice, le mancate risposte che se ne ricevono ed i dubbi che ne sono la naturale conseguenza, hanno costituito il tema ed il motivo conduttore dello spettacolo andato in scena, in una piacevole atmosfera goliardica, martedì 18 marzo,  nell’Aula Magna del Liceo Classico Linguistico Ruggero Settimo di Caltanissetta.  Lo spettacolo, dal titolo “Vorrei essere me”, ideato e scritto dalla giovane regista Stefania Zigarella, applaudito da un numeroso pubblico sia nella rappresentazione delle 16,30 sia nella replica delle 20,30 ha visto esibirsi un insolito cast di attori, composto da venti studenti del Liceo Classico e cinque ragazzi dell’IPM. Forse nessuno si aspettava che Fabrizio, Dario, Orazio, Carmelo e Cristian potessero rivelarsi attori consumati come se recitare fosse il loro mestiere.

Intervista Nuccia Miccichè direttrice Istituto Penale per i Minorenni – Intervista regista Stefania Zigarella

“Lo spettacolo di stasera – ha detto in apertura il prof. Vito Parisi,  Preside del Liceo – scaturisce da  una lunga collaborazione veramente interessante e stimolante tra il Liceo Classico di Caltanissetta e gli ospiti dell’IPM”“Il collante tra l’IPM ed il Liceo Classico – ha aggiunto Nuccia Miccichè, direttrice dell’Istituto di pena – sono stati i ragazzi con le loro emozioni e con la loro voglia di fare, abbattendo tutti quelli che sono i nostri pregiudizi e tutte le barriere che si sarebbero potute frapporre”.

Intervista preside Vito Parisi

Significative le parole della d.ssa Gabriella Tomai, Giudice del Tribunale per i minorenni che, anche a nome dei colleghi presenti ha detto che “ fa parte della nostra mentalità amministrare la giustizia in questo modo anche puntando su questo tipo di attività. A me resta una cosa di questa serata. Questi ragazzi, ci hanno trasmesso delle cose e, in qualche modo sono stati i nostri maestri”.

Intervista Gabriella Tomai Giudice del Tribunale per i minorenni

Dopo lo spettacolo, tutti a chiacchierare quasi per voler concedere a quei ragazzi, prima del rientro in Istituto, ancora un po’ di quella atmosfera gioiosa che hanno respirato e che sono riusciti a trasmettere al pubblico. Quei ragazzi che, sì, hanno sbagliato ma ai quali auguriamo di ritornare nella Società, non già indeboliti dall’amara esperienza che stanno vivendo bensì rafforzati e consapevoli che vivere in una Società civile comporta il rispetto delle regole. Adesso ci rivolgiamo a te, Fabrizio, che abbiamo avuto il permesso di intervistare, affinchè tu trasferisca a tutti  tuoi compagni quelle belle parole  pronunciate durante l’intervista e che, certamente, erano dirette principalmente a te: “… stiamo pagando, stiamo scontando, però arriverà il giorno in cui ci uniremo alla Società”. Auguri a tutti, ragazzi.

Intervista Annalisa Arcoleo educatrice IPM – Intervista a Fabrizio ospite dell’IPM – Intervista Marta Marchese alunna del Liceo Classico

19 marzo 2014

Commenta su Facebook