Violento incendio in palazzina, tre ragazze strappate dalle fiamme da polizia e carabinieri

1408

Un incendio sprigionatosi ieri mattina in via Giotto a Niscemi ha rischiato di trasformare la domenica di Pasqua in tragedia per una famiglia. Le fiamme sprigionatesi al primo piano di un appartamento in quel momento vuoto, a causa di un corto circuito al forno elettrico, si sono propagate al piano superiore dove erano in casa due sorelle di 16 e 13 anni, la cugina di 19 e un loro congiunto.
A chiamare Polizia e Carabinieri il padre delle due minorenni che in strada ha visto fiamme e fumo fuoriuscire dalle finestre. Arrivati sul posto, i militari ed i poliziotti hanno dovuto prendere una decisione in pochi secondi. Dentro la casa le urla ed i pianti delle ragazze: intervenire o aspettare l’arrivo dei vigili del fuoco? Hanno scelto la prima ipotesi e insieme al padre delle ragazze si sono buttati dentro l’incendio.
Una coltre di fumo e fiamme impedivano di respirare per la presenza elevata di monossido di carbonio nell’aria. Un poliziotto è riuscito a individuare subito la prima ragazza di 16 anni portandola di peso fuori dall’appartamento. Poco dopo anche la sorella è stata tratta in salvo, così come la 19enne e il loro parente.
Tutti sono rimasti intossicati dal fumo, un po’ più seriamente le due ragazze di 13 e 16 anni portate in ospedale a Niscemi, ma fortunatamente senza conseguenze gravi.
(foto archivio)

Commenta su Facebook