Vigili del fuoco. Effige di Santa Barbara sulla facciata della cattedrale. Scarciotta: “Organici al completo, la cittadinanza può stare tranquilla”

327

Pompieropoli, il villaggio dei Vigili del fuoco allestito in piazza Garibaldi mercoledì 4 dicembre, ha ospitato numerosi alunni delle scuole elementari e medie che si sono cimentati in percorsi ludico-educativi per conoscere, attraverso giochi e prove, le modalità operative del corpo.

L’evento si è tenuto in concomitanza della festività di Santa Barbara, patrona dei vigili del fuoco, celebrata in Cattedrale durante la funzione eucaristica del vescovo Mario Russotto. Al termine una squadra di vigili del fuoco “acrobati” con l’impiego di un’autoscala ha srotolato l’effige della patrona lungo la facciata della chiesa madre. Il comandante provinciale dei vigili del fuoco, Gianfranco Scarciotta, ha presenziato all’evento a cui hanno preso parte le autorità cittadine tra le quali il sindaco, Roberto Gambino ed il prefetto, Cosima Di Stani.

Con Radio CL1 Scarciotta si è soffermato sui dati e l’analisi delle attività svolte nel 2019 che hanno registrato un incremento d’interventi soprattutto per quanto riguarda incendi ed incidenti stradali.

“Ci tengo a puntualizzare – ha detto Scarciotta ai nostri microfoni – che quella di oggi non è solo la festività della nostra patrona poiché lo è anche dei marinai, degli artificieri e dei minatori. Ci attestiamo quest’anno su oltre 7mila e 300 interventi, in crescita rispetto agli anni precedenti. Con un sensibile aumento degli incendi, soprattutto quelli estivi di superfici boscate e di macchia mediterranea. Su 3 700 interventi 2 100 sono quelli espletati durante la stagione estiva”.

Le squadre sono così dislocate nel territorio provinciale: due a Caltanissetta, due a Gela, una a Mazzarino e una a Mussomeli a cui si aggiunge quella di Niscemi che è un distaccamento volontari.

Scarciotta ha poi affrontato alcune tematiche di più ampio respiro che riguardano il corpo nazionale dei Vigili del fuoco, sottolineando che in termini di organico il comando provinciale non rileva carenze.

“Gli sforzi fatti dai Governi per il recupero del turn over hanno consentito di fermare le carenze d’organico. Qui a Caltanissetta la comunità può stare tranquilla – spiega il comandante – perché abbiamo piena copertura di organico e mezzi a sufficienza per affrontare tutte le situazioni come abbiamo dimostrato. Altre questioni di carattere generale riguardano le rivendicazioni circa l’equiparazione retributiva e previdenziale con le altre forze di polizia e maggiori tutele per gli infortuni professionali e la riscrittura del contratto scaduto da nove anni”.

Commenta su Facebook