Vigilanza per evitare assembramenti. In Prefettura stabiliti controlli anche sulla movida

283

Si è tenuta mercoledì 20 maggio alla presenza del Prefetto di Caltanissetta, Cosima Di Stani, una Riunione Tecnica di Coordinamento delle Forze di Polizia in web conference nel corso della quale è stato fatto il punto della situazione riguardo l’attività di vigilanza sull’attuazione delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza da COVID-19.

Alla riunione oltre ai vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, ha partecipato il Comandante del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo.

Nel corso dell’incontro è stata sottolineata la necessità di mantenere alto il livello di attenzione sul territorio con particolare riguardo ai controlli circa il rispetto dei protocolli di sicurezza applicabili presso le attività produttive e commerciali.

Su tale fronte proseguono le attività di un nucleo ispettivo volto alla verifica delle disposizioni poste a tutela dell’incolumità dei lavoratori. Particolare attenzione, poi, è stata data al rispetto delle disposizioni anti assembramento utili a prevenire i contagi in relazione al mutato contesto sociale caratterizzato dal graduale ritorno alla normalità.

Al fine di fronteggiare efficacemente tale problematica è stato disposto il rafforzamento dei servizi di controllo sul territorio prevedendo un’intensificazione delle attività di vigilanza per evitare che le persone disattendano gli obblighi di distanziamento e il divieto di assembramenti nei luoghi pubblici ed aperti al pubblico con una consequenziale elevazione del livello di rischio dei contagi.

Massima attenzione sarà data ai luoghi di aggregazione giovanile, ai locali della movida e a tutti quei contesti in cui tradizionalmente si creano situazioni di assembramento sociale ad oggi vietato.

Al termine della riunione il Prefetto ha manifestato il proprio apprezzamento per il forte senso civico fin oggi dimostrato dalla cittadinanza auspicando da parte di essa un ulteriore sforzo volto allo scrupoloso rispetto delle regole a tutela della salute e sicurezza pubblica.

Commenta su Facebook