Viabilità provincia. Pochi soldi da suddividere in base ai progetti. Guagliano: "prima la certezza somme"

723
Philosophiana

Cinquanta milioni di euro dalla Regione Siciliana per la viabilità in Sicilia, da destinare alle ex province regionali. E’ quanto emerge dal resoconto dell’Unione province siciliane che ha riunito i commissari delle nove province dell’Isola per discutere l’emergenza viabilità a fronte dei tagli per 19 milioni di euro nei trasferimenti da parte della Regione.
All’incontro promosso in data odierna dal presidente dell’Urps, Giovanni Avanti, hanno preso parte i 9 rappresentanti delle ex Province cui viene destinata una somma complessiva pari a 50 milioni di euro circa relativa al miglioramento della viabilità secondaria dell’Isola.
Si tratta di somme che verranno suddivise in proporzione all’amontare dei progetti presentati, il cui punteggio sarà stabilito sulla base della lunghezza dell’asse viario interessato e della densità di popolazione dell’area servita.
L’obiettivo principale è quello di intervenire su progetti già cantierabili, in considerazione del fatto che l’Anas si è dichiarata disponibile a supportare tecnicamente il perfezionamento dei progetti da presentare alla Regione siciliana, attraverso l’assessorato Infrastrutture.
A fronte di un taglio drastico di finanziamenti alle ex Province, che ammonta complessivamente a 19 milioni di euro, anche questa somma stanziata dalla Regione Sicilia, seppure ritenuta esigua, in base alle emergenze viarie e alla necessaria esigenza di salvaguardia della pubblica incolumità, viene ritenuta una “piccola boccata di ossigeno” per fare fronte al lavoro di manutenzione straordinaria a carattere provinciale.
Le ex provincie e i responsabili degli uffici tecnici avranno il compito di concentrare il lavoro delgi uffici nei progetti da presentare per le opere da realizzare nel medio termine.
Per il commissario straordinario della ex Provincia di Caltanissetta, Guagliano, invece, “occorre chiedere al Governo siciliano di deliberare in merito all’assegnazione delle somme entro la fine di questo mese di gennaio e provvedere, nella fase successiva a richiedere un provvedimento alle singole Province con le somme assegnate”.
Alla riunione odierna seguirà un altro vertice, fissato per il prossimo lunedì, nel corso del quale il Presidente Avanti si farà portavoce dell’esito di una convocazione promosso per mercoledì 14 gennaio presso gli uffici dell’assessore regionale alle infrastrutture Giovanni Battista Pizzo, a cui prenderà parte oltre a l’Urps, anche l’Anci, il Cas e l’Anas.

Commenta su Facebook