Via vai di assuntori. Arrestato pusher di "coca" in flagranza

671

Fuori da casa viene notato un anomalo e sensibile via vai di giovani. Scatta la perquisizione domiciliare e la polizia ritrova numerose dosi di cocaina, una modesta quantità di hascisc ed un bilancino di precisione. Così un gelese gravato da pregiudizi di polizia Andrea Sorrentino classe 1988 di Gela è stato denunciato in stato d’arresto (domiciliari) in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. In particolare 14 dosi di “coca” già confezionate, per 9,5 grammi circa.
Sorrentino AndreaIl blitz nel pomeriggio di ieri quando i Poliziotti del Commissariato di Polizia di Niscemi diretti dal Commissario Capo Gabriele Presti, insieme ai colleghi di Gela hanno realizzato il servizio di contrasto al traffico illecito di stupefacenti nella città di Gela.
Vista la flagranza del reato di detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente, stante la gravità dell’atto commesso desunto dalla quantità di sostanza rinvenuta e dal suo confezionamento, chiaramente predisposto per lo spaccio, i poliziotti niscemesi e gelesi, hanno arrestato il 26enne ponendolo a disposizione del Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela, dott. Antonio D’ANTONA, che coordina le indagini.
Dopo le incombenze di rito, il soggetto veniva sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, a disposizione dell’A.G procedente.
L’arrestato è difeso di fiducia, dall’Avv.to Laura Beatrice Caci del foro di Gela.

Commenta su Facebook