Vertenza Scat, ripartono corse pomeridiane Villaggio S.Barbara e Ospedale

483

Nei locali della Cooperativa S.C.A.T. ieri fino a tarda sera, si è svolta l’assemblea dei lavoratori alla presenza del Sindaco Giovanni Ruvolo e dell’Assessore al bilancio Boris Pastorello per discutere della grave crisi economica che attanaglia i lavoratori della Cooperativa che, a oggi, subiscono il mancato pagamento di quasi un anno di retribuzioni per i pesantissimi tagli al trasporto pubblico locale che la Regione ha operato negli ultimi anni anche nei confronti del Comune di Caltanissetta.

Durante l’assemblea il Sindaco Ruvolo, dopo avere rassicurato i lavoratori circa la tempistica sui pagamenti che permetteranno alla Cooperativa Scat di provvedere al pagamento delle spettanze ai lavoratori, quantomeno di un congruo acconto sugli arretrati, ha chiesto di ripristinare immediatamente il collegamento pomeridiano del Villaggio Santa Barbara e l’Ospedale Sant’Elia con il Centro cittadino, ricevendo un riscontro positivo da parte della Cooperativa e dei lavoratori che si sono impegnati a riprendere le corse anche nel pomeriggio già a partire dalla giornata di oggi come effettivamente accaduto.

L’assemblea durata più di tre ore, nonostante lo stato di agitazione proclamato dai lavoratori, si è svolta in un clima di positivo confronto con l’elaborazione di una proposta finalizzata alla soluzione del problema che ormai dura da troppi anni. I lavoratori dal canto loro hanno mostrato un grande senso di responsabilità e di maturità legato al loro ruolo di esecutori del servizio di trasporto pubblico urbano che la Cooperativa gestisce da più di quaranta anni nella città nissena. Si è discusso a lungo anche della pianificazione del servizio per il futuro in considerazione dell’avvicinarsi della scadenza del contratto con la rassicurazione da parte del Sindaco Ruvolo e dell’assessore Pastorello sulla continuità dell’attività lavorativa delle maestranze, anche nel caso in cui si dovesse ricorrere all’aggiudicazione del servizio con il ricorso a procedure di evidenza pubblica come prevede la legge.

Commenta su Facebook