Vertenza Scat. Interrogazione del Movimento 5 Stelle al presidente della Regione Crocetta

572

Giovedì 20 marzo 2014 il gruppo parlamentare M5S ha presentato un’interrogazione a risposta scritta al Presidente della Regione Sicilia e all’Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità riguardo l’annoso problema dei corrispettivi a carico della Regione siciliana a favore del Comune di Caltanissetta a compensazione degli obblighi di servizio pubblico delle autolinee locali e sullo stato dell’erogazione dei contributi a carico della Regione siciliana a favore della S.C.A.T. Società Cooperativa Auto Trasporti di Caltanissetta.

“Il Comune di Caltanissetta – si legge nella nota del movimento 5 stelle – rischia la totale paralisi del trasporto urbano in conseguenza del mancato pagamento dei contributi che la Regione Sicilia dovrebbe versare in base alle Leggi Regionali di riferimento come affermato dall’Assessore Andrea Milazzo su diversi organi di stampa. Il Comune di Caltanissetta ha fino ad ora anticipato parte della somma dovuta senza però poter rispettare i termini temporali del pagamento stesso. Tali ritardi pare siano conseguenza di quelli della Regione Sicilia la quale non ha ancora nemmeno provveduto a saldare l’esborso affrontato fino ad oggi dal Comune nisseno”.

“Chi paga le conseguenze di questi ritardi e rimbalzi da amministrazione locale a regionale – prosegue la nota – sono i dipendenti della SCAT. L’azienda vanta crediti dal 2009 ad oggi, con un conseguente disagio economico per la cooperativa che fornisce il servizio del trasporto pubblico; i dipendenti per diversi mesi non hanno ricevuto lo stipendio, data la mancanza dei contributi l’azienda SCAT si è trovata costretta diverse volte a sospendere il servizio in quanto impossibilitata finanche a provvedere all’acquisto del carburante per i mezzi. Gli autisti degli autobus urbani coscienti del disservizio causato ai cittadini nisseni nei mesi in cui i mezzi di trasporto urbani erano dotati di carburante, hanno garantito il servizio senza percepire lo stipendio”.

Il gruppo parlamentare M5S chiede al Presidente Crocetta e all’Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità, di “intervenire prima possibile al fine di verificare gli effettivi ritardi e mancati pagamenti come sostenuto dall’amministrazione comunale nissena dal 2009 ad oggi in relazione ai mandati di pagamento emessi e maturati e se l’Assessorato ha provveduto a trasmettere la documentazione al Ministero per le Infrastrutture e per i Trasporti. L’intervento dell’Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità e del Presidente Crocetta risultano fondamentali al fine di evitare che si verifichino ulteriori periodi di disagio sia per la Società SCAT sia per i nisseni. Il servizio di trasporto urbano di Caltanissetta è fondamentale per una numerosa parte dei cittadini che quotidianamente ne usufruiscono, è un servizio che deve essere garantito e migliorato costantemente. La società SCAT ha finora mantenuto l’impegno preso con il Comune per quello che gli era possibile, ma alle condizioni attuali rischia un blocco che porterà lunghi periodi di disagio per la Città, senza considerare quello che potrebbe significare per i dipendenti della cooperativa e le relative famiglie in un momento così buio per il mondo del lavoro”.

Commenta su Facebook