Vertenza Comune-Scat, nuovo contratto e transazione. Il PD all’Udc: “accordo raggiunto da tutta la maggioranza”

507

Dopo anni di contenziosi, finiti anche in tribunale, il comune di Caltanissetta e la Scat trovano in extremis un accordo che dovrebbe stabilizzare il servizio, evitando scioperi e ritardi nei pagamenti degli stipendi. La cooperativa rinuncia al 90% delle somme pregresse richieste al Comune. L’intesa, raggiunta alla presenza del management della società, dei rispettivi legali e della dirigenza di Palazzo del Carmine, dovrà essere perfezionata. Nel frattempo il Comune ha concesso una proroga di due anni del servizio alla Scat.

L’accordo, in particolare, prevede l’erogazione da parte del comune di 300 mila euro alla Scat a fronte di una pretesa iniziale di 2,8 milioni di euro. In pratica il 10%, ha spiegato l’assessore alle finanze, Boris Pastorello in una conferenza stampa indetta dal partito democratico.

Il PD si è presentato all’appuntamento con il segretario Ivo Cigna, il capogruppo Luigi Romano e gli assessori in giunta, Amedeo Falci e Massimo Bellomo. L’invito all’assessore Pastorello in conferenza stampa ha voluto sottolineare la collaborazione tra forze politiche e amministrazione per la soluzione dell’annosa vertenza Scat. Una necessità scaturita dopo un comunicato dell’Udc in cui si dava atto all’assessore centrista e vicesindaco, Matteo Tricoli, dell’accordo raggiunto.

Una fuga in avanti che ha creato un po’ di imbarazzo nella maggioranza. Mentre l’assessore Udc, Matteo Tricoli partecipava stamane a sorpresa alla seduta della settima commissione trasparenza, l’assessore Boris Pastorello spiegava i termini dell’accordo in sala gialla.

Per il capogruppo PD, Luigi Romano,  la conferenza stampa è servita “a chiarire nella sede opportuna, il Comune, il traguardo raggiunto, l’accordo (ancora verbale) tra le parti”.

“Riteniamo che questa soluzione vada condivisa con i protagonisti, le forze politiche che supportano la Giunta. L’Udc è uscito ieri, anticipando tutti, con un comunicato stampa in cui si prendeva la paternità di questo accordo, noi teniamo a chiarire che c’è anche l’Udc, ma l’accordo è stato raggiunto da tutte le forze della maggioranza”.

Se infatti la delega al trasporto pubblico è in capo al vicesindaco e assessore dell’Udc, Tricoli, le competenze per gli affari legali e le finanze sono invece di Pastorello, così come tutta la viabilità e la mobilità sono invece di competenza dell’assessore Falci.

Dopo la proroga di due anni del servizio alla stessa Scat, esitata dalla Giunta il 28 dicembre, la transazione, che dovrà essere formalizzata, metterà fine a ben tre contenziosi tra Scat e Comune davanti il Tribunale. La società cooperativa, presieduta da Roberta Leonardi, ha adesso sottoscritto un contratto di servizio per 910 mila euro annui, 776 dei quali a carico della Regione e il resto dal Comune a integrazione delle somme residue stabilite dal nuovo contratto che prevede in pianta stabile le cosiddette corse speciali.

La novità del servizio è l’aumento delle corse per l’ospedale e il Cefpas con le linee 4 e 6 che garantiranno 36 corse giornaliere. Ulteriori 4 corse su via Due Fontane. Un servizio che sarà anche integrato con il nuovo piano del traffico per il centro storico e si avvarrà dell’utilizzo di gps sui bus urbani, per informare gli utenti dei tempi di arrivo, come ha spiegato l’assessore Amedeo Falci.

“Riteniamo doveroso – spiegano dalla delegazione Pd – ringraziare i dipendenti della Scat ed il management aziendale insieme al comandante del corpo dei vigili urbani, Diego Peruga, il dirigente dell’Ut, Giuseppe Tomasella i quali hanno colto lo spirito risolutivo con cui il PD e la coalizione che sostengono il sindaco e la giunta intendono affrontare le problematiche della città”.

Commenta su Facebook