Verifiche reddituali, stop alle comunicazioni cartacee dall’Inps. Da utilizzare call center, sedi e Caf

L’INPS di Caltanissetta comunica che quest’anno non invierà comunicazioni cartacee  ai pensionati interessati alle verifiche reddituali (cfr. circolare n. 195/2015).

E’ stata infatti predisposta una nuova modalità di acquisizione delle dichiarazioni reddituali per i residenti in Italia.

Essa potrà avvenire entro il 31 marzo 2016 attraverso:

accesso ai servizi on line con il PIN dispositivo attraverso il quale l’utente viene profilato e guidato nella procedura in base alla sua condizione. Questa modalità prevede anche la possibilità di dichiarazioni brevi o semplificate (senza inserimento di alcun dato ulteriore rispetto a quelli già presenti nelle banche dati Inps) nei casi di redditi invariati rispetto all’anno precedente o integralmente coincidenti con quelli dei Fisco o in  presenza di soli redditi da pensione.

Contact Center

Sedi Inps

CAF  e altri soggetti abilitati.

Si sottolinea l’importanza di ogni attività di comunicazione verso il target interessato in quanto la mancata presentazione comporta la sospensione delle prestazioni legate al reddito.

Ad ogni buon fine si ricorda che l’Inps non è tenuto ad inviare il modello RED  cartaceo ai pensionati, l’obbligo di comunicare la propria situazione reddituale all’Inps, infatti,  è a carico dei diretti interessati (vedi art. 13 comma 6 DL 78/2010, convertito in legge 122/2010).

Commenta su Facebook