Venturi attacca Montante e si dimette da Confindustria. “Ha violato il codice etico ma nessuno ha capacità di cacciarlo”

1499

“Da oggi non sono più in Confindustria. Mi sono dimesso da presidente di Confindustria

“Centro Sicilia” e dal direttivo regionale dell’Associazione. Questa Confindustria, ai vari livelli, è condizionata da Antonello Montante sotto inchiesta per concorso in associazione mafiosa, tuttora delegato nazionale per la legalità, presidente di Sicindustria, di Unioncamere Sicilia e della Camera di commercio di Caltanissetta”.

Lo scrive in una nota Marco Venturi, tra gli artefici della svolta di Confindustria nella lotta al racket.

Venturi, che è stato assessore regionale nella giunta di Raffaele Lombardo, rincara le accuse al leader degli industriali siciliani: “Montante, da diverso tempo portatore di poteri illimitati, domina il sistema di Confindustria, incide in alcuni settori nevralgici del Paese e determina le scelte del presidente della Regione siciliana”. “Il Collegio dei probiviri di Confindustria invece di chiedere conto da sette mesi a Montante della sua pesante ed imbarazzante inchiesta giudiziaria per concorso in associazione mafiosa mi ha contestato di avere rilasciato doverose dichiarazioni alla stampa – afferma Venturi – Confindustria da tempo avrebbe dovuto allontanare Montante per aver violato pienamente il codice etico dell’Associazione, ma fino ad oggi nessuno ha avuto il coraggio e la capacità di cacciarlo”.

Venturi attacca anche il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta: “Strombazza la sua rivoluzione contro i boss di mafia senza dire chi siano, sostiene di avere cacciato da Gela 825 mafiosi, ma gli sfugge il fatto che il presidente della Camera di commercio di Caltanissetta è sotto inchiesta per concorso in associazione esterna mafiosa”.

E ancora: “Agisce nel sistema confindustriale in Sicilia una lobby trasversale che si nutre di vendette e che ha cercato di imbavagliare me e il presidente dell’Irsap Alfonso Cicero, un sistema che opera attraverso condizionamenti e pressioni sugli associati”.

“Non ho alcun motivo per attendere l’esito della verifica del Collegio nazionale dei Probiviri. Questa Confindustria non è nelle condizioni di agire in modo libero e di difendere la sua storia e la sua reputazione”, prosegue.

“Come ho dichiarato giorni addietro Montante è il regista di doppi giochi, ha agito in modo torbido contro me ed Alfonso Cicero riguardo a gravi ed inquietanti fatti debitamente rappresentati alla magistratura di Caltanissetta – sostiene Venturi – Il ‘codice etico’ di Confindustria è rimasto lettera morta e le espulsioni si sono ridotte a una finzione. Nel corso del breve incontro con i componenti del Collegio dei probiviri, peraltro tenutosi in gran segreto in un albergo di Milano, piuttosto che in una sede ufficiale di Confindustria, ho rappresentato e consegnato loro un documento. A breve chiederò un’audizione alla Commissione nazionale parlamentare antimafia per rendere noto quanto di allarmante sta accadendo nell’economia e nella vita pubblica in Sicilia”.

Commenta su Facebook