Venticinque contagi in più nel Nisseno, altri tamponi rapidi positivi a Resuttano. 374 casi attualmente in provincia

452

Nelle ultime ventiquattr’ore ore l’Asp2 di Caltanissetta dà riscontro di 25 pazienti positivi al coronavirus in isolamento domiciliare. Sono dieci a Gela, uno a Niscemi, cinque a Riesi, due a Caltanissetta, uno a Montedoro e sei a San Cataldo.

Nel bollettino mancano gli esiti dei tamponi rapidi eseguiti a Resuttano con uno screening esteso a tutta la popolazione scolastica. Dei 150 tamponi eseguiti oggi sono risultati positivi quattro alunni, un insegnante e un collaboratore scolastico che si aggiungono ad altri otto alunni, quattro insegnanti e un altro collaboratore scolastico risultati positivi nei giorni scorsi. I nuovi casi di Resuttano dovranno essere certificati con tampone rinofaringeo e sono tutti asintomatici o con lievi sintomi.

Sono stati invece ricoverati presso il reparto di malattie infettive tre pazienti positivi al Covid-19: uno di Caltanissetta e due provenienti da fuori provincia. Dimessi dalla stessa unità operativa due pazienti di Gela, due di Caltanissetta e due provenienti da fuori provincia che sono stati trasferiti all’Rsa di via Luigi Monaco, struttura che ha riaperto oggi i battenti con 30 posti letto per ricoveri a bassa intensità di cure.

Ricoverati oggi presso l’unità operativa di anestesia e rianimazione due pazienti di Gela e uno di Caltanissetta. In terapia intensiva al S.Elia sono attualmente ricoverate sei persone. Guariti da Covid-19 otto pazienti in isolamento domiciliare: 2 di Gela, 4 di Niscemi, 1 di Villalba e 1 di Caltanissetta.

L’azienda sanitaria ha anche riaperto il reparto covid di malattie infettive dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela con 12 posti letto.

Commenta su Facebook