Vendite di bibite e panini, controlli a Caltanissetta e Niscemi: due denunciati e 19 sanzionati

833

Polizia di Stato. Eseguiti controlli amministrativi a Caltanissetta e Niscemi: due denunciati e 19 sanzioni amministrative. Multe per oltre 30.000 euro.

Nel capoluogo rimossi due mezzi che esercitano l’attività di vendita di panini e bibite perché privi di copertura assicurativa e revisione periodica.

Nell’ambito dei servizi di prevenzione disposti dal Questore di Caltanissetta Giovanni Signer, la Divisione Polizia Amministrativa ha proceduto a controlli presso diversi esercizi pubblici e nei luoghi di vendita e somministrazione di alimenti e bevande del capoluogo. Nel corso di detti controlli sono stati sanzionati due ambulanti che esercitano l’attività di vendita di panini e bibite poiché i mezzi, ubicati rispettivamente in Piazza Mercato Grazia e via Leone XIII, risultavano privi di copertura assicurativa e revisione periodica. Le sanzioni comminate oltre mille euro. I predetti mezzi sono stati rimossi dalla sede pubblica. Tale attività, che proseguirà nei prossimi giorni, mira a salvaguardare la sicurezza e il decoro urbano, e il rispetto delle norme in materia di occupazione del suolo pubblico e d’igiene degli alimenti.

Analoghi controlli a esercizi pubblici sono stati eseguiti a Niscemi dai poliziotti del Commissariato. Diciotto i bar controllati al fine di prevenire il consumo di alcolici da parte dei minori e contrastare il gioco patologico. Di seguito ai controlli due titolari di bar sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela per aver somministrato alcolici a minori di anni 16 e per gestione di scommesse senza licenza. Diciassette, invece, le sanzioni amministrative comminate ad altrettanti titolari di esercizi: di cui sei per aver somministrato alcolici a minori di anni 18, tre per violazione della legge contro il fumo nei locali pubblici, sei per mancanza di cartellonistica esposta, uno per aver consentito il gioco nelle “slot machine” a minore di anni 18 e una per violazione della recente ordinanza Sindacale che vieta la vendita di bevande in bottiglie di vetro dopo le ore 21.00 nei fine settimana. Le contestazioni comminate comportano sanzioni complessive per oltre 30.000 euro.

L’ufficio stampa

Commenta su Facebook