Vasto incendio alla periferia della città. Le fiamme in un capannone di via Pietro Leone

4936

Fiamme altissime alimentate da vento e temperature sopra i 40 gradi, hanno impegnato Vigili del fuoco e protezione civile per circa quattro ore in un’area alla periferia della città tra via Pietro Leone e via Santa Petronilla.

Un vasto incendio si è sprigionato, pare, da una cabina elettrica utilizzata dal vicino cantiere del raddoppio della Ss640 (non da un terreno privato, come inizialmente riportato, ndr.). Le fiamme, che pare abbiano danneggiato alcuni container della Cmc, sono giunte in poco tempo alle spalle del supermercato Carrefour. Il rogo si è quindi propagato velocemente nella zona circostante, attraversando i cortili di numerose villette residenziali e lambendo pericolosamente capannoni e attività commerciali.

L’incendio ha raggiunto un capannone della grande distribuzione alimentare dov’erano custodite cassette di acqua minerale. Sul posto una squadra di vigili del fuoco ha evitato che l’incendio coinvolgesse anche gli altri capannoni a fianco. La merce è andata distrutta nel rogo, i danni sono da quantificare anche alla struttura.

Grande paura per i residenti delle numerose villette della zona, i primi a darsi da fare per impedire all’incendio di arrivare dentro le loro proprietà. Ma in un paio di abitazioni le fiamme sono arrivate dentro i cortili, bruciando alberi e vegetazione. Personale dell’ufficio tecnico ha fatto sgomberare alcune villette per precauzione. L’assessore Felice Dierna, assicura che non appena le condizioni lo permetteranno le famiglie saranno fatte rientrare. “Si stanno spegnendo gli ultimi focolai rimasti e, successivamente, una volta verificati i danni, si faranno rientrare nelle proprie abitazioni”.

In via Pietro Leone sono intervenuti anche i tecnici dell’Enel, polizia municipale, polizia e carabinieri.

Adesso che l’emergenza è rientrata si controllano i numerosi focolai ancora accesi e i cumuli di pedane in legno da cui potrebbe ripartire l’incendio.

Non si registrano feriti.

 

Commenta su Facebook