Università, proposta di Gambino a Musumeci: “Con i lavori al Cefpas l’ex ospedale Vittorio Emanuele diventi sede di Medicina”.

223

Il sindaco di Caltanissetta Roberto Gambino lancia al presidente della Regione Musumeci la proposta di localizzare nell’ex ospedale Vittorio Emanuele di viale Regina Margherita i corsi universitari di Medicina e chirurgia. Un’idea da prendere in considerazione per evitare che nel futuro possano sorgere problemi poi non gestibili. Il riferimento è al Cefpas che attualmente ospita le lezioni ed è destinatario di un finanziamento di 30 milioni di euro per la ristrutturazione dei locali. Per il prossimo anno accademico non ci saranno problemi – ha spigato Gambino – perché l’avanzamento dei lavori sarà frazionato e consentirà in contemporanea lo svolgimento delle lezioni. Ma per il futuro, a partire dall’anno accademico 2022/2023 il sindaco chiede che vengano individuate per tempo le soluzioni alternative e tra queste l’ex ospedale Vittorio Emanuele. La ristrutturazione dell’edificio è nei programmi della Regione. Musumeci martedì mattina a Caltanissetta ha annunciato un progetto che potrebbe aggirarsi sui 6 milioni di euro per renderlo completamente fruibile prima di essere destinato a uffici dell’azienda sanitaria provinciale. Da qui la controproposta di Gambino di adibire l’ex ospedale a sede universitaria.

“Abbiamo un problema perché la facoltà di Medicina è uno dei punti fermi per la città di Caltanissetta – ha detto il sindaco nisseno -. La facoltà deve rimanere qui nella nostra città perché chiude il cerchio con l’hub di secondo livello dell’ospedale S.Elia e bisogna evitare che poi succedano cose che non riusciamo a controllare. Il mio suggerimento per il Vittorio Emanuele è che lì venga realizzata la facoltà di Medicina. Un immobile prestigioso per la sede della facoltà, accanto c’è la villa Amedeo e si progetta un vero e proprio campus anche con le strutture sportive presenti che sono del Comune di Caltanissetta e possono essere messe a disposizione degli studenti”.

Commenta su Facebook