Università a Caltanissetta, che fine hanno fatto i 400 mila euro promessi da Crocetta?

1051

Che fine hanno fatto i 400 mila euro promessi dal Presidente della Regione Rosario Crocetta e dall’assessore all’Università, Bruno Marziano, per il consorzio universitario nisseno?

È l’interrogativo che rimbalza alla luce della richiesta di incontro urgente formulata dal sindaco di Caltanissetta Giovanni Ruvolo al presidente della Regione e all’Assessore per avere chiarimenti in merito. Si tratta delle somme che venivano garantite fino al 2015 dall’ex Provincia regionale che poi ha dismesso il proprio impegno finanziario nei confronti del Consorzio universitario. “Come certamente ricorderà – scrive Ruvolo – nell’incontro pubblico di diversi mesi fa nell’Aula Consiliare del Comune di Caltanissetta, si fece garante di una serie di interventi a supporto del rilancio dell’attività accademica. In particolare fu assicurato un intervento finanziario dell’importo di 400 mila euro da destinare al libero Consorzio del Comune di Caltanissetta per sostenere le attività del Consorzio Universitario, un intervento diretto per consentire che un nucleo del Distretto Biomedico Regionale, di cui la Regione è Partner insieme all’Università dell’Isola, possa strutturarsi a Caltanissetta, valorizzando le risorse già esistenti quali il CEFPAS, l’ASP i Corsi di Laurea di Medicina e Chirurgia ed Ingegneria Elettrica già attive in Città, e la possibilità di attivare la Casa dello Studente con un impegno da parte dell’ERSU”.

Era il 12 gennaio 2016 quando il consiglio comunale si riunì in seduta aperta alla presenza del Presidente Crocetta, dell’assessore Marziano e dell’allora commissario del Libero Consorzio, Alessandra Diliberto. Fu proprio la delibera della Diliberto a scatenare le polemiche, visto che la Provincia non avrebbe più garantito le somme al Consorzio Universitario in quanto impossibilitata a trovare adeguata copertura finanziaria. Un atto dovuto quello della funzionaria regionale che dovette sorbirsi tutte le critiche prima di dimettersi dall’incarico di commissario.

“Abbiamo in cantiere – affermò  Crocetta in quell’occasione – una serie di soluzioni. Voglio assicurare l’impegno totale della Regione che troverà come finanziare la struttura. Sulla finanziaria prevederemo emendamenti specifici che riguarderanno i consorzi universitari di Caltanissetta, Agrigento, Siracusa e Trapani perchè crediamo nella promozione culturale”. Emendamenti che hanno trovato spazio nella finanziaria bis ma non nella misura promessa, soprattutto per quanto riguarda il consorzio universitario nisseno.

Commenta su Facebook