"Una lama di luce". Il nuovo Montalbano di Camilleri, la solidarietà per gli immigrati e un gran Giallo

1022

E’ appena uscito in libreria per i tipi di Sellerio, “Una lama di luce”, il nuovo romanzo di Andrea Camilleri nell’ambito della saga del commissario Montalbano. A Lampedusa è avvenuto un altro drammatico sbarco di migliaia di immigrati tunisini. Uno sbarco in parte tragico, che vista la gravità della situazione costringe a intervenire anche il Ministro dell’Interno che prima di arrivare  nella piccola Isola avamposto della Sicilia nel bacino mediterraneo, si ferma proprio a Vigata. Una gran ‘rottura’ per Montalbano che rifugge ogni tipo di passerella politica o istituzionale. Il romanzo si intreccia quindi con un caso quanto mai intricato, dove nulla è ciò che sembra e il principale sospettato di una ‘sacrosanta’ vendetta, in realtà non c’entra nulla. C’è anche Marian, una donna che mette in crisi il decennale rapporto di coppia tra il Commissario e Livia. Il libro, uscito a giugno 2012, riflette evidentemente le tensioni dell’autore in relazione alle immagini degli sbarchi che sono seguiti alla  rivoluzione araba, ed in particolare quella in Tunisia.

Commenta su Facebook