Una fake news ricevuta da Lampedusa ha fatto scattare la fuga dal Cara di Pian del Lago

479

Voci incontrollate che indicavano un rimpatrio imminente avrebbero messo in subbuglio i migranti nordafricani ospiti del centro d’accoglienza di Pian del Lago portandoli ad allontanarsi domenica pomeriggio. 184 quelli che hanno lasciato il Cara, 139 quelli rintracciati e sottoposti nuovamente a quarantena.

A confermare questa ricostruzione è stato il prefetto di Caltanissetta, Cosima Di Stani, ai microfoni della Tgr Sicilia della Rai. “Loro tramite telefoni hanno ricevuto informazioni distorte che a Lampedusa stavano effettuando rimpatri ed espulsioni e da qui è nato il tentativo di fuga” ha detto il rappresentante del Governo.

Voci infondate ma ritenute verosimili perché la maggior parte dei migranti è di nazionalità tunisina. A nessuno, secondo quanto stabilito dal diritto d’asilo costituzionale, può essere impedito di presentare richiesta d’asilo politico ma allo stesso tempo è a tutti noto che le richieste d’asilo o di protezione avanzate dai cittadini provenienti dalla Tunisia sono sistematicamente bocciate perché non ci sono conflitti in corso o persecuzioni nel Paese. La notizia ricevuta in modo distorto è stata quindi ritenuta attendibile e probabilmente ha provocato il panico.

Commenta su Facebook