Un maestro del cinema italiano al Kalat Film Festival. Ugo Gregoretti in città, l' intervista.

723

Kalat Nissa - il maestro Ugo GregorettiUn mostro sacro del cinema e della televisione italiana, tanto da guadagnarsi nel 2004 l’onorificenza di “Cavaliere di gran Croce al merito della Repubblica Italiana”.

E’ Ugo Gregoretti, classe 1930, ospite a Caltanissetta del Kalat Nissa Film Festival, organizzato dall’associazione Laboratorio dei Sogni, in corso nella cornice della Grande Piazza.

Ascolta l’intervista al maestro Ugo Gregoretti

“Anzitutto è un onore doppio per me di essere partecipe a questo festival del cortometraggio ed essere accolto con tanta gentilezza, immeritata in questa bella città”, ha detto il maestro Gregoretti ai microfoni di CL1. “Spero che l’iniziativa si rafforzi e incontri la comprensione e la solidarietà concreta di chi ha la responsabilità amministrativa di questa città che capisca il valore anche materiale di un’iniziativa del genere. La risonanza che può avere nel territorio e l’attrattiva che costituisce che può anche essere un arricchimento ancor più che un fiore all’occhiello per Caltanissetta”.

Forse, Gregoretti avrebbe meritato, vista la grande e instancabile filmografia (l’ultimo lavoro risale al 2011, il primo al 1956) e le tante serie e spettacoli teatrali di cui è stato autore e molte volte attore, qualche riconoscimento ufficiale in più. In compenso il suo nome è indissolubilmente legato alla storia del cinema italiano al di là di premi e riconoscimenti.

Per farsi un’idea della lunga carriera di Ugo Gregoretti, basta leggere la lista di attori, attrici, musicisti e artisti che con lui hanno lavorato. Claudia Cardinale, Piero Piccioni, Roberto Rossellini, Philippe Leroy, Carlo Savina, Adriana Asti, Mario Serandrei, Laura Betti, Toni Bertorelli, Piero De Bernardi, Ray Bradbury, Astor Piazzolla, Senta Berger, Florinda Bolkan, Astor Piazzolla, Tonino Delli Colli, Stelvio Cipriani, Ennio Guarnieri, Paolo Cavara, Lisa Gastoni, Memmo Carotenuto, Adolfo Celi, Pio Angeletti, Kabir Bedi
Commenta su Facebook