Tumori, diagnosi precoce. Progetto Luna, “buon lavoro dell’Asp sugli screening”

1795

L’associazione Progetto Luna il cui impegno è rivolto a diffondere la cultura della diagnosi precoce “si ritiene soddisfatta per il lavoro svolto dall’ASP di Caltanissetta dal 28 giugno ad oggi”. Così inizia un comunicato stampa dell’associazione presieduta da Ersilia Sciandra che pubblicamente fa un plauso all’Azienda Sanitaria per come sono stati avviati gli screening mammografici con lettera personale inviata alle donne. Una lettera che ha un doppio significato. Testimonia l’impegno dell’Asp e chiude la problematica che sempre Progetto Luna aveva sollevato a partire da maggio.

Progetto Luna Volontarie“Gli incontri avuti lo scorso giugno tra il Commissario dell’ASP di Caltanissetta, dott. Giorgio Santonocito, la responsabile del coordinamento degli screening oncologici, dott.ssa Marcella Paola Santino e Progetto Luna, sono stati utili per dare il via alla programmazione dell’attività da svolgere per coinvolgere i destinatari degli screening oncologici tramite invito con lettera”.

“Le lettere – prosegue la nota – spedite alla popolazione femminile tra i 50 e i 69 anni per effettuare la mammografia e l’azione di sensibilizzazione da parte delle attiviste dell’associazione Progetto Luna hanno innalzato il tasso di adesioni: a Caltanissetta presso il Presidio Ospedaliero S. Elia

su 540 inviti si sono effettuate 512 mammografie”.

Sull’Unità Mobile che ha fatto il giro di diversi centri in cui le donne sono state preventivamente avvisate, i risultati sono incoraggianti. A Mazzarino, su 730 inviti, sono state effettuate 460 mammografie. A Serradifalco su 450 lettere inviate, 180 donne hanno risposto all’appello presentandosi all’appuntamento.

A Milena su 257 inviti, 135 visite, a Montedoro su 117 lettere, 68 visite effettuate.

Un mese quello di luglio, di intenso lavoro anche per lo screening del colon. I destinatari uomini e donne tra i 50 e 69 anni sono stati invitati sempre con lettera a ritirare il Kit per l’indagine del sangue occulto nelle feci, presso la sede dell’associazione Progetto Luna a piano terra del P. O. S. Elia per poi riconsegnarlo ad indagine effettuata.

Il coordinamento degli screening sta continuando il suo lavoro affinchè nei primi giorni di settembre si ricominci sempre con gli inviti con lettera a coinvolgere la popolazione e nello specifico: le donne da 50 a 69 anni (ogni due anni), che possono fare una mammografia gratuita senza richiesta medica portando un documento di riconoscimento.

Le donne da 25 a 64 anni (ogni tre anni), possono fare il ‘pap test’ nei consultori.

Gli uomini e donne dai 50 ai 69 anni (ogni due anni) possono ritirare il kit per effettuare a casa propria l’esame del sangue occulto nelle feci.

Per informazioni chiamare l’associazione “Progetto Luna” dal lunedì al venerdì dalle ore 10,30 alle 12,30 allo 0934 559686 o recarsi presso la sede a piano terra del Presidio Ospedaliero S. Elia accanto al CUP.Sportello Progetto Luna

“Continuando a lavorare in questo modo in poco tempo tutta la popolazione avrà usufruito delle indagini da screening”, conclude Ersilia Sciandra per Progetto Luna

Commenta su Facebook