Truffe on line, rubare “poco” ma a tanti. La strategia degli hacker colpisce altri due nisseni

677

Piccole truffe crescono. Le modalità con cui vengono condotte le truffe on line sono sempre più sottili e raffinate. Prendere poco a tanti che incappano in siti web civetta, falsi, oppure che si vedono rubate le credenziali di carte di credito.

Questa volta presso l’Urp della Questura si sono presentate due persone. Un impiegato nisseno quarantenne vittima di una truffa. Dopo aver acquistato per 50 euro in un sito di aste on line, con carta prepagata, un hard disk esterno di due terabyte, da un’azienda con sede in provincia di Napoli, vedendo che l’accessorio non arrivava ha scoperto su internet che la stessa ditta indicata nell’offerta era stata oggetto di truffa. Un sito “ombra” recava le sue credenziali ma un numero di conto su cui versare diverso. Un pensionato nisseno di 66 anni ha, invece, denunciato che nel controllare i movimenti del proprio conto, c’erano due movimenti relativi a pagamenti con carta di credito per acquisti online mai da lui effettuati, rispettivamente di 38 e 49 euro.

Commenta su Facebook