Trasporto pubblico. Alaimo: “i partiti giocano a risiko”

67
Valeria Alaimo

(di Valeria Alaimo, consigliere comunale) Un terreno difficile come quello del trasporto pubblico, servizio essenziale per i cittadini, diventa “terra di conquista” per i partiti di maggioranza che, piuttosto che lavorare per il bene e la crescita della nostra città, continuano a giocare a Risiko. Chi vincerà e raggiungerà più obiettivi in questo gioco: UDC o PD ? Ad oggi nessuno, solo magre figure da entrambe. L’UDC scrive un comunicato il cui contenuto è smentito dalla commissione Trasparenza ed il PD invece indice una conferenza stampa dove fa da “padrone” il Segretario comunale del partito, quasi a dimostrare chi è comanda dentro il Palazzo. Su un argomento del genere sarebbe stata auspicabile la presenza del Sindaco e non quella di un segretario di partito.

Nessun risultato rilevante questi “signori” della maggioranza hanno raggiunto per l’interesse dei nostri concittadini. Hanno arraffato commissioni e loro presidenze, portando all’immobilismo del civico consesso.

Se si analizzano gli Ordini del Giorno del Consiglio comunale, in questo anno e mezzo, vedremo che su nulla il Consiglio si è pronunciato di importante e costruttivo per questa città: sono stati approvati debiti fuori bilancio da sentenza passata in giudicato, un piano di rientro affinché la Regione potesse concedere al nostro Comune un mutuo con cui ripianare i debiti con l’Ato Ambiente, due punti sull’urbanistica e poi il Bilancio di Previsione con i suoi allegati. Ordine del giorno quest’ultimo su cui la maggioranza ha mostrato più volte di vacillare.

Ora con la presente non voglio entrare nel merito della transazione fra il Comune e la Scat, perché per far ciò non penso possano bastare due riunioni della commissione trasparenza e dei comunicati stampa di qualsivoglia partito. Il rispetto per il ruolo istituzionale che ricopriamo dovrebbe portare tutti, me compresa, a studiare tutti i documenti del caso prima di proferire parola nel rispetto dei lavoratori della cooperativa SCAT e per gli utenti/cittadini, stanchi quest’ultimi delle solite “chiacchiere politiche”. Discussioni che portano noi Consiglieri comunali a tralasciare le istanze dei cittadini che questa Amministrazione ha dimenticato di tutelare. Si è parlato molto di nuovi piani del Trasporto pubblico e della mobilità, anche in merito alla riapertura al traffico veicolare del centro storico, ma ancora non sono stati elaborati e nonostante ciò l’ “Amministrazione”, ignorando le legittime richieste dei cittadini, ha pensato a nuove linee di autobus.

Per essere precisi occorre dire che di nuove linee si è parlato durante la conferenza stampa del PD e nel comunicato a firma dello stesso partito, in esso si legge testualmente << novità del servizio è l’aumento delle corse da e per l’asse S.Elia – ASP – CEFPAS – EX DUBINI che garantiranno complessivamente 36 corse giornaliere . A ciò si aggiunge l’ulteriore previsione di 4 corse su via Due Fontane >> e se relativamente alla prima previsione non ho alcun rilievo da avanzare, devo però necessariamente chiedermi cosa ha spinto questa amministrazione a prediligere la istituzione di ben 4 corse su Via Due Fontane a discapito della previsione di corse che congiungano il quartiere “Stazzone” con il resto della città: i residenti in quel quartiere lo hanno chiesto a tutti i candidati Sindaci in campagna elettorale ed hanno continuato a chiederlo con forza. Le motivazioni saranno tecniche o politiche di tale scelta, ma a chi dovrò rivolgere questa mia domanda al Sindaco che rappresenta la città ed i cittadini che lo hanno eletto oppure al Segretario comunale del PD?

Anche questa volta i partiti politici hanno vinto un posto al sole ma hanno mortificato la politica che dovrebbe avere a cuore gli interessi dei cittadini.

Commenta su Facebook