Tradizioni popolari. Riapre il museo etno-antropologico di Sommatino. Lo gestirà un'associazione

778

oggetti esposti  museo Sommatino Sarà riaperto al pubblico il prossimo 22 dicembre, dopo un lungo periodo di chiusura, il museo etno-antropologico di Sommatino, ubicato all’interno del palazzo “Costantino Cigno” che la Provincia ha acquistato nel 2008. La struttura sarà gestita dall’associazione “La Fenice” di Sommatino, aggiudicataria dell’appalto per la locazione indetto dalla Provincia, per il quale il sodalizio rappresentato dall’architetto Francesco Tricoli, ha offerto un canone annuo di 6.310 euro. Il capitolato d’appalto prevede una locazione di quattro anni del museo, inizialmente delle tradizioni popolari locali, in questi anni chiuso, comportando per l’ente un costo di manutenzione senza alcuna possibilità di valorizzarlo. L’associazione aggiudicataria svolgerà attività culturali, divulgazione delle tradizioni popolari, visite di scolaresche o turisti, garantendo la manutenzione ordinaria della struttura e delle attrezzature storiche, nonché la possibilità di organizzare convegni, riunioni e incontri formativi.

 

Commenta su Facebook