Topi d'appartamento in trasferta. Arrestati due giovanissimi gelesi nel capoluogo. Uno è figlio di un mafioso

2172

attrezzi furto in appartamentoArrestati in flagranza di reato due topi d’appartamento a Caltanissetta. Alle 16.15 di oggi una telefonata al 133 ha segnalato ladri in azione in un appartamento di via Bissolati.

Una delle volanti, in servizio di controllo del territorio, giunta immediatamente sul posto appurando la presenza di un giovane dall’atteggiamento sospetto, all’interno dell’autovettura che stava svolgendo la funzione di “palo” e quindi fermato. Nello stesso istante due giovani saltavano dalla finestra dell’appartamento dirigendosi verso di lui, ma alla vista degli agenti si sono dati ad una disperata fuga. Uno di loro è stato immediatamente bloccato, mentre l’altro è riuscito a dileguarsi per le vie limitrofe.

Gli Agenti di Polizia constata contestualmente l’effrazione di una finestra di un appartamento situato al piano rialzato del condominio prospiciente, hanno proceduto al fermo dei due giovani gelesi in trasferta, responsabili del furto aggravato nell’appartamento. Alla luce di tali evidenze i due “topi d’appartamento” sono stati arrestati nella flagranza di reato. Si tratta di Rocco Simone Di Bartolo nato a Vittoria il 01.02.1993 residente a Gela e D.T. di anni 16 nato e residente a Gela, quest’ultimo pregiudicato per reati contro il patrimonio nonché figlio di un pregiudicato per mafia di quel centro. Di Bartolo Simone Vittoria 01.02.1993L’appartamento preso di mira dai due “topi” era regolarmente chiuso a chiave ed i proprietari temporaneamente assenti. Sono in corso le verifiche per stabilire eventuali ammanchi da esso. L’arresto è stato immediatamente comunicato sia al P.M. di turno della Procura Ordinaria, si a quello della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni. Gli arrestati, ultimate le formalità di legge sono stati associati, DI BARTOLOLO presso la locale Casa Circondariale ed il minore presso il Centro di Prima Accoglienza per Minori in attesa dell’udienza di convalida di arresto.

Commenta su Facebook