Terza edizione delle Giornate dei Musei Ecclesiastici

856

Sabato 7 e domenica 8 marzo p.v., in tutta Italia tornano le Giornate Nazionali dei Musei Ecclesiastici, un appuntamento che si rinnova per il terzo anno consecutivo per volontà dell’ A.M.E.I., l’Associazione dei Musei Ecclesiastici Italiani nata per valorizzare i musei religiosi esistenti in Italia «proponendoli come strumenti di animazione culturale delle comunità cristiane e della società».
Secondo i dati resi pubblici dall’associazione, le due prime edizioni hanno ovunque fatto registrare presenze prima mai viste, «facendo scoprire a migliaia di persone la ricchezza e l’interesse degli oltre mille musei ‘ecclesiastici’, ovvero musei diocesani, cattedrali, chiese, confraternite disseminati lungo l’intera penisola, da nord a sud, isole comprese; un immenso patrimonio che ai più è del tutto ignoto, scarsamente segnalato dalle guide turistiche delle città, “snobbato” da un certo ambiente culturale, soffocato da un’immagine di polverosità e noia che è assolutamente lontana dalla realtà di queste istituzioni».
Anche il Museo Diocesano “Mons. G. Speciale” di Caltanissetta, ha scelto di non mancare all’appuntamento: sabato 7 marzo alle ore 18.00 nella cappella maggiore del Seminario Vescovile ci sarà un incontro di approfondimento storico sul tema: Donne di santità, custodi di bellezza… verso la luce. Agata, Lucia e Rosalia, con gli interventi del Dott. Giovanni Virone e del Dott. Luigi Garbato. Seguirà il concerto offerto dal duo Maria Grazia Bonelli, voce soprano, ed Enrico Maida, pianista, che eseguiranno musiche di Erroll Garner, Fryderyk Chopin, Giacomo Puccini, Ennio Morricone. Domenica 8 marzo il Museo Diocesano del Seminario Vescovile resterà aperto per una visita guidata alla scoperta dei capolavori provenienti dalla chiesa di Santa Croce in esso custoditi.
Per la visita guidata su prenotazione, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, ci si può rivolgere ai numeri 0934 23014 /0934 21165 /3475928264
 
Mons. Giuseppe La Placa
Vicario Generale
Direttore Ufficio Stampa

Commenta su Facebook