Territorio al setaccio da parte dei Carabinieri. Scattano tre denunce e quattro arresti

672

I Carabinieri di Caltanissetta hanno svolto nella giornata di ieri, nei territori dell’intera giurisdizione, un servizio volto al contrasto alla microcriminalità.

Nel corso del servizio, che ha visto impegnate 65 pattuglie, sono stati controllati 293 automezzi, identificate 440 persone ed elevate 36 contravvenzioni al Codice della strada.

In tale contesto a Caltanissetta sono state denunciate due persone per guida in stato di ebbrezza alcolica e una per porto di coltello di genere vietato, sottoposto a sequestro, mentre due persone sono state tratte in arresto. Si tratta di un 30enne e un 38enne di Gela: il primo tradotto in carcere per scontare una pena di un anno e 11 mesi per detenzione abusiva di arma clandestina e ricettazione di armi e munizioni, fatti commessi nella città del Golfo a giugno 2018; il secondo poiché colto nella flagranza di reato per evasione dagli arresti domiciliari.

A Mussomeli sono finiti in carcere S.P. 35Enne per espiare la pena di un anno e 10 mesi di reclusione per i reati di maltrattamenti e lesioni aggravate, commessi nella città del Vallone tra il 2012 e il 2018. Il 36enne G.V. residente a Mussomeli dovrà invece scontare la pena di un anno di detenzione domiciliare per il reato di violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale.

“Questo servizio – spiega il comando provinciale dei Carabinieri – si inserisce in un quadro di potenziamento delle attività preventive e repressive, volto a garantire la sicurezza e la serenità dei cittadini della provincia nissena.

Commenta su Facebook