Terre di Collina, “assistente sociale da nominare”. Il sindaco Bancheri scrive ai sindaci dell’Unione

979

Il sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri scrive ai sindaci dell’Unione Terre di Collina. Chiede di velocizzare gli atti propedeutici la convocazione del consiglio dell’Unione per la gestione associata dell’ufficio di assistente sociale professionale le cui funzioni sono state trasferite di recente all’Unione con deliberazione approvata dai rispettivi consigli comunali.

Le funzioni trasferite sono quelle riguardanti il segretariato sociale, l’erogazione di informazioni, la consulenza alle persone e alle famiglie per favorire l’utilizzo dei servizi comunali e del distretto socio-sanitario, le prestazioni contenute nei regolamenti dei servizi sociali e nei regolamenti di altre forme assistenziali dei Comuni aderenti all’Unione. Le attività legate all’individuazione e al contratsto di situazioni a rischio quali dipendenza da droghe, alcol, farmaci, favorendo anche interventi di natura preventiva. Ed anche quelle che riguardano gli incarichi imposti dall’autorità giudiziaria ed infine la progettazione e la programmazione per l’accesso a finanziamenti per servizi socio assistenziali comunali e distrettuali.

<<Si tratta – come ha detto il sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri – di funzioni delicate e importanti che possono essere svolte soltanto da figure specialistiche in possesso delle competenze adeguate. Ormai, dopo l’integrazione all’articolo 5 dello statuto dell’Unione approvata dai consigli comunali, le competenze dell’ufficio di assistente sociale professionale sono state trasferite all’Unione “Terre di Collina”. Si tratta ora di rendere operativa la gestione associata dei servizi superando ogni rallentamento burocratico. Ecco perchè ho chiesto di accellerare le procedure. Ci sono dei bisogni e delle esigenze sociali che non possono più attendere>>.

La gestione unitaria dei servizi è prevista dallo statuto di “Terre di Collina”. Restano comunque in capo ai singoli Comuni aderenti all’Unione le politiche di gestione dei servizi sociali e l’adozione dei relativi atti decisionali d’impegno e di disposizioni delle risorse finanziarie>>.

<<La gestione associata delle funzioni del afferenti al servizio di assistente professionale – si legge nella deliberazione approvata – persegue l’obiettivo dell’ottimale svolgimento dello stesso sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza, nonché l’obiettivo di assicurare l’unicità della conduzione della gestione del rapporto di lavoro e la semplificazione secondo i principi di professionalità e responsabilità>>.

 

Commenta su Facebook