Tennis, un successo la quarta tappa del torneo Fisdir a Caltanissetta. Sport, inclusione e un alto tasso tecnico

85

Lombardia, Lazio, Veneto e Friuli, Calabria e Sicilia. Sono alcune delle Regioni di provenienza dei 23 atleti che sabato e domenica a Caltanissetta hanno partecipato alla quarta tappa nazionale del torneo di tennis della Fisdir, la federazione italiana disabilità intellettivo relazionali. Partner della federazione nell’organizzazione dell’evento tenutosi nei campi del circolo La Baita, è l’associazione sportiva Cobisi Team. Un movimento di giovani, famiglie e società sportive che coltiva talenti all’insegna della partecipazione e delle relazioni sociali ma con tanto tasso tecnico e agonismo.

Il tennis diventa così una leva che compensa tante difficoltà contribuendo a produrre benefici sul piano fisico, senso motorio e relazionale. “Quando impugno la racchetta sento dentro di me la forza” ci spiega uno dei ragazzi partecipanti. Francesco, campano di nascita e tifoso del Napoli, vive a Milano e pratica tennis a Garbagnate Milanese. “Quando sto in campo gioco per portare a casa la vittoria e mi alleno per diventare un campione nazionale”, ci racconta.

Il professore Giuseppe Cobisi, responsabile tennis della Fisdir per il sud Italia nonché direttore tecnico del Cobisi Team è uno dei motori propulsori della tappa nissena del campionato. “Siamo orgogliosi di poter organizzare per il terzo anno consecutivo questo torneo. Si tratta di una delle quattro tappe nazionali e siamo soddisfatti per la presenza di tanti ragazzi provenienti da tutta Italia che sposano in pieno il nostro motto: Il tennis è per tutti. La parte agonistica qui è peculiare ma passa anche in secondo piano quando vediamo l’entusiasmo dei ragazzi e delle famiglie”. Tra gli atleti in gara anche un campione mondiale C21, un campione europeo e uno italiano.

Tante le società provenienti dal nord Italia, area geografica di cui è responsabile Gianni Gioia. “C’è voglia di mettersi in gioco e partecipare attivamente alle attività della Fisdir. Stiamo spingendo tanto, per noi è importante fare attività sul campo e confrontarsi”.

Dietro gli ottimi scambi da fondo campo c’è un lavoro che si sviluppa nel tempo affinché un atleta con disabilità possa partecipare a una competizione agonistica. “Ma il messaggio – spiega Gioia – è che tutti i ragazzi possono avvicinarsi al tennis e giocare partendo dalle basi per poi fare meglio. Noi vediamo miglioramenti da parte dei ragazzi indipendentemente dalle competizioni ma già aiuta il fatto di stare sul campo e relazionarsi”.

Presente a Caltanissetta anche Vincenzo Morgante, responsabile nazionale tennis per la Fisdir. “Come federazione abbiamo sposato l’idea di fare delle tappe al Sud, cosa che in passato non avveniva. C’è una bella risposta, è il segno che il movimento si sta allargando a livello nazionale. Da Londra 2012 con la proiezione delle gare paralimpiche sulla Rai c’è stata una svolta nelle discipline e lo notiamo anche nel Tennis con tanti ragazzi che si avvicinano alla nostra”, spiega Morgante.

Sabato pomeriggio ha fatto visita alla manifestazione il presidente del Comitato regionale della Fit, Giorgio Giordano. “Era ovvio che io venissi qui ad assistere a questi incontri che sono eccezionali. Ragazzi eccellenti e Giuseppe Cobisi che è anche fiduciario della Fit per il tennis in carrozzina, ha bene organizzato questa tappa nazionale. Abbiamo diversi progetti futuri e lavoriamo sulla disabilità. Con la Fisdir c’è un ottimo rapporto”.

Per la cronaca ha vinto il torneo del singolo Massimo Mottura, classe ‘93 della società Asd Aole, già vincitore lo scorso anno. Per il doppio si è aggiudicata il torneo la coppia composta da Erico Fiorenzato e Riccardo Zonta entrambi in forza all’Acsd Arcobaleno.

Queste le società che hanno preso parte alla manifestazione: Pol.Ha Biellese Carlo Brignoni, Antonio Catalano, Gualtiero Giachetti, Gabriele Vietti), Asd Aole Massimo Mottura), Asd Cobisi Team (Francesco Bisconti, Alessio Cuccia, Luca Di Gregorio, Karol Giuliana, Francesco Macaluso, Manuel Milazzo); Tennis senza Barriere Asd (Francesco Aprea), Associazione Sportiva Handicap Dilettantistica Novara Aps (Emanuele Bezzi e Giuseppe D’Amico), ACSD Arcobaleno Aps (Alessandro Croitoru, Andrea Dri, Eric Fiorenzato, Simone Minudel, Umberto Pellis, Alberto Sist, Enrico Violi, Riccardo Zonta).

Commenta su Facebook