Teatro Margherita: emozioni, cultura e umanità con “Ciatu” di Monica Felloni.

1625

DSC_7425Chi, leggendo qualche recensione sullo spettacolo “Ciatu”, avesse pensato soltanto ad uno spettacolo “molto impegnato”, per qualcuno, quindi, noioso,  ha dovuto cambiare idea. Teatro d’autore, giovedì sera al Margherita, dove l’Associazione Teatrale Neon ha presentato uno spettacolo che ha offerto una serata di emozioni, di educazione alla cultura e di umanità come rare volte è dato vedere.

“Ciatu”, imperniato sulla vita e sul pensiero di Giordano Bruno, non è uno spettacolo di rappresentazione di un testo ma una manifestazione di relazioni che, attraverso le persone, si vivono in scena.

Uno spettacolo che vede protagonisti immaginari i bambini che ancora devono nascere e un uomo di 106 anni con dentro tutte le possibili varianti degli esseri umani, persone normali ma anche persone con handicap, con una regia, quella di Monica Felloni, che da 26 anni opera con il teatro dei diversi, che ha saputo trasmettere fortissime emozioni inducendo anche ad auspicate riflessioni.

Intervista al direttore artistico dell’Associazione “Neon” Pietro Ristagno

Ma non meno emozionante dello spettacolo, è stata la stessa regista Monica Felloni, voce fuori campo dietro il service, che ha offerto un

La regista Monica Felloni
La regista Monica Felloni

saggio di alta recitazione. Monica Felloni non va soltanto ascoltata, perché questo è possibile farlo anche attraverso l’amplificazione. Va guardata e ammirata in ogni movimento quando, quasi alla stessa stregua di un direttore d’orchestra che, sospinto dalla melodia,  si lascia andare a movimenti in apparenza inconsulti ma che invece sono l’espressione di un grande trasporto emotivo.

Si conclude alla grande, quindi, la prima giornata del Festival della Salute che continuerà sino al 25 ottobre con una serie di manifestazioni e di incontri che coinvolgeranno tutti i cittadini i quali  avranno la possibilità di scegliere l’evento che sentono più rispondente ai loro interessi non soltanto culturali ma anche esistenziali.

Fotogallery

Nota della Redazione:

a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto pubblicate nell’articolo e/o nella fotogallery seguente, per farne uso pubblico, ricordiamo di citare la fonte “Radio Cl1″                                                                              

Cliccare sulle foto per ingrandirle e salvarle

 

Commenta su Facebook