Tagli nelle scuole, Azzurra Cancelleri replica alla deputata Bartolozzi: “Ciò che ha proposto non è la soluzione al problema”

403

“Esiste un accordo siglato il 20 dicembre tra la Regione Siciliana ed il Governo centrale che prevede, tra le altre cose, l’impegno dello Stato a trovare soluzioni per il sostegno delle Città metropolitane e dei Liberi Consorzi Siciliani. In particolare per la manutenzione straordinaria di scuole e strade, con il trasferimento e la possibilità di impegno immediato di 540 milioni di euro in sette anni oltre allo sblocco dei 70 milioni già impegnati”. Lo dice la deputata alla Camera del Movimento Cinque Stelle Azzurra Cancelleri intervenendo sulla notizia relativa alla paventata chiusura delle scuole del nisseno.

La pentastellata replica alle accuse politiche mosse dall’onorevole forzista Giusy Bartolozzi la quale sostiene che “tutti i deputati siciliani, nessuno escluso, fatta eccezione per quelli di Forza Italia” non hanno votato “un ordine del giorno contro il prelievo forzoso che mette le province in dissesto, non le fa sopravvivere”.

“Da quello che mi risulta ed è chiaramente visibile agli atti – replica la portavoce Cancelleri – il Governo ha accolto il suo odg come ‘raccomandazione’ trasformatosi poi in parere negativo dopo che la deputata ha insistito perché si votasse. Votazione a parte, ricordo all’Onorevole Bartolozzi che già durante la prima lettura alla Camera della Legge di Bilancio, il Governo ha accolto due ordini del giorno riguardanti il prelievo forzoso presentati dai deputati siciliani M5S. Studiare è un diritto ed è gravissimo che lo si debba mettere a rischio perché non ci sono i soldi per pagare le utenze.

“Gli impegni che la Deputata Bartolozzi ha chiesto al Governo con il suo odg – precisa la Cancelleri – non sono comunque la soluzione immediata al problema. Durante l’incontro che si è tenuto il 17 dicembre in provincia, a cui la deputata forzista non ha preso parte, il Commissario straordinario Rosalba Panvini, ha chiarito che nell’immediato manca la liquidità necessaria ad affrontare ogni sorta di spesa. A queste affermazioni proprio il deputato regionale del suo partito, On.Michele Mancuso, ha risposto che lo stesso giorno aveva sentito il Governo regionale (sostenuto dai forzisti) che si era detto pronto a dare liquidità per i primi mesi. A questo punto credo che l’On. Bartolozzi debba rivolgersi al proprio partito e al governo regionale per chiedere quella liquidità ‘promessa’.

“Per quel che mi riguarda, pochi giorni dopo l’approvazione dei nostri ordini del giorno e dopo le sollecitazioni di noi deputati del Movimento 5 Stelle, il Governo nazionale ha preso un chiaro e deciso impegno per aiutare concretamente i Liberi Consorzi e le città metropolitane siciliane. Questo impegno, che è antecedente all’odg della deputata forzista, mira a garantire la liquidità agli Enti provinciali e punta alla futura eliminazione del prelievo forzoso. Prelievo che, voglio ricordare, è stato inserito dal Governo Renzi, quello stesso Renzi del Partito Democratico che molto spesso la deputata Bartolozzi si ritrova ad applaudire in aula”.

Commenta su Facebook