Tagli alla sanità nissena. I sindacati della dirigenza chiedono di incontrare l’assessore

553

I tagli alla sanità provinciale. Dopo l’allarme della conferenza dei sindaci intervengono i sindacati dell’area dirigenza medica e sanitaria esprimendo preoccupazione per la bozza della nuova dotazione organica, così come rideterminata in esecuzione delle Linee-guida regionali, approvate con Decreto assessoriale del 05 agosto scorso. Nel corso dell’incontro con i sindacati la Direzione aziendale ha fatto presente che i fondi assegnati all’Azienda Sanitaria di Caltanissetta, dall’Assessorato della Salute, risultano ulteriormente ridotti rispetto ai finanziamenti, congelati sin dal 2011 e già insufficienti a garantire anche i servizi minimi essenziali con un depauperamento di 233 posti di lavoro, in aggiunta ai 400 posti già persi nel 2011.

“Questa ulteriore diminuzione dei fondi, si tradurrà in un aumento del rischio clinico, chiusura di reparti ospedalieri e territoriali, impossibilità di attivare nuovi servizi per il territorio nisseno, la perdita di 633 posti di lavoro e la conseguente impossibilità di nuove assunzioni, oltreché la stabilizzazione dei precari e tra un aumento della mobilità passiva verso altre provincie”. I sindacati della dirigenza sanitaria-medica, chiedono un immediato incontro con l’Assessore alla Salute e con la VI Commissione Sanità dell’ARS, in presenza della deputazione regionale della provincia di Caltanissetta.

Commenta su Facebook