Sutera, rapina alle poste. Arrestati gli autori con il bottino di 23 mila euro

1154

Sutera, rapina a mano armata all’ufficio postale. Arrestati dai carabinieri gli autori che adesso dovranno rispondere di rapina e sequestro di persona.Dopo due rapine a Mussomeli e Milena, ha funzionato il piano messo a punto dalla compagnia. I rapinatori sono entrati in azione alle 7,30 del mattino, bloccando il direttore della filiale delle poste di Sutera e un dipendente all’apertura. Con la pistola puntata i due dipendenti non hanno potuto far altro che aprire le porte ai rapinatori.

Imbavagliata e legata alla sedia un’impiegata, i due si sono fatti consegnare dal direttore 23 mila euro in contanti e 3 mila euro di valori bollati, fuggendo intorno alle 8,30 a bordo di una Bmw X3 di una palermitana residente a Bagheria compagna di uno dei due rapinatori, Giovanni Lungaro classe ’92 e Circo Carrello, napoletano classe ’88 residente a Bagheria, entrambi pluripregiudicati. E’ statyo un cittadino di sutera a telefonare a un carabiniere compaesano che libero dal servizio ha allertato la compagnia che ha fatto scattare ilpiano antirapina che consiste nel bloccare accessi e arterie stradali di collegamento. Così la pattuglia radiomobile di Campofranco ha intercettato la Bmw un quarto d’ora dopo sulla statale 189, e insieme ad un’altra pattuglia è riuscita a bloccare l’auto con i rapinatori armati e il bottino.

Oltre a recuperare i 23 mila euro, i carabinieri hanno rinvenuto cartucce a pallettoni per fucile, cartucce per pistola, due passamontagna,1 pistola scacciacani priva tappo rosso, un taglierino e un parrucchino. Da verificare se i rapinatori abbiano buttato via la pistola, visto che avevano le cartucce, oppure se abbiano agito soltanto con la scacciacani, sebbene priva di tappo rosso. Il comando dell’Arma sottolinea l’impegno dell’appuntato scelto di Sutera che ha avvisato la compagnia e si è messo all’inseguimento dell’auto con i rapinatori, rallentandone la figa in attesa dell’arrivo della pattuglia.

Commenta su Facebook