Studio condotto dall’Asp di Caltanissetta rivela: “Non sarà più necessario bere litri di soluzione per la colonscopia”

633

In futuro non sarà più necessario bere diversi litri di soluzione per la preparazione alla colonscopia: uno studio nato all’ASP di Caltanissetta lo dimostra.  Recentemente è stata introdotta nel mercato una nuova soluzione per la preparazione alla colonscopia, che consente di ridurre il volume totale dei liquidi da ingerire a 1 solo litro, rispetto ai 4 o 2 litri tradizionali. La soluzione, già in commercio da vari mesi, è stata testata da uno studio nato e condotto all’ASP di Caltanissetta dalla equipe della U.O.C. di Gastroenterologia del P.O. di San Cataldo, diretta da Salvatore Camilleri,e coordinato da Marcello Maida su un totale di oltre 1200 pazienti reclutati da 6 centri in Italia. I risultati dello studio, recentemente presentato al congresso nazionale di Gastroenterologia (FISMAD) di Roma, e al congresso europeo di endoscopia (ESGE) di Praga, dimostrano come la nuova soluzione di 1 litro sia non solo più tollerata, ma anche più efficace rispetto alle precedenti soluzioni di 4 e 2 litri, potendo rappresentare un valido ausilio nel migliorare l’efficacia e l’aderenza ai programmi di prevenzione per il cancro del colon. “Questa rappresenta la prima dimostrazione nel mondo sull’efficacia della nuova preparazione nella pratica clinica – dice il gastroenterologo Marcello Maida – e costituisce una notizia confortante per tutti i pazienti che non saranno più costretti a bere ingenti quantità di liquidi prima di sottoporsi all’esame. Una notizia positiva anche per la ricerca clinica che si mantiene viva anche nella nostra città, fornendo strumenti utili e innovativi a supporto delle decisioni cliniche di tutti i giorni”.

Commenta su Facebook