Studenti e lavoro. PFE avvia i tirocini in collaborazione con l'Istituto "Rapisardi"

999

“Guardiamo al futuro della nostra azienda con la consapevolezza che i giovani saranno sempre il fattore critico di successo. Per questa ragione, abbiamo deciso di avviare una collaborazione con l’Istituto “Mario Rapisardi” di Caltanissetta, con la sottoscrizione di un partenariato che consentirà a due neodiplomati di partecipare a tirocini nel nostro gruppo. E’ il primo step di un nuovo percorso che ci porterà a dare sempre maggiore attenzione al mondo della scuola e dei giovani”. Lo afferma il presidente di Pfe, Salvatore Navarra.
“Abbiamo già dato spazio in passato al mondo della scuola, consentendo a studenti di conoscere il mondo della nostra impresa. La novità di questo piano consiste nell’avviare tirocini con studenti che hanno appena concluso il loro percorso alle Superiori. Questo primo passo serve a sciogliere quel nodo che impedisce un corretto dialogo tra mondo della scuola ed imprese – sottolinea Navarra- ed è anche una concreta testimonianza di fiducia per il futuro del nostro territorio. Soltanto così, portando avanti i migliori profili formati nelle nostre scuole, potremo garantire sviluppo sociale ed economico e al tempo stesso salvaguardare il nostro patrimonio imprenditoriale, che come tutti sanno é proiettato all’ampliamento delle aree di business anche in settori strategici, come le energie rinnovabili e le nuove tecnologie”.
Per questa prima sessione, Pfe ha messo a disposizione due tirocini per i migliori studenti del “Rapisardi” di Caltanissetta. E’ la prima volta che un’azienda della nostra città apre le porte al mondo della scuola con questa modalità. Il progetto di collaborazione andrà avanti anche l’anno prossimo, con la previsione di ampliare il numero dei tirocini da offrire ai neodiplomati.
L’iniziativa è patrocinata da Confindustria Centro Sicilia che ha sottolineato l’importanza della strategia messa in atto da Pfe per creare le migliori condizioni di sviluppo nel territorio di Caltanissetta.

Commenta su Facebook