Strisce blu e nuova app. Dierna annuncia querele: “Chi parla di poca trasparenza vada in Procura”

1323

Strisce blu e pagamento della sosta tramite app. L’assessore Dierna ribatte a quelle che definisce falsità in malafede. “Se qualcuno in perenne campagna elettorale pensa non via sia trasparenza vada in Procura”.

Nuovi stalli con strisce blu e pagamento dei parcheggi con applicazione per smartphone. Questi gli argomenti trattati in conferenza stampa dall’assessore Felice Dierna insieme al comandante della Polizia Municipale, Diego Peruga. Una conferenza stampa in cui Dierna ha bollato come falsità alcune notizie circolate in questi giorni sul tema.

Sono 82 i nuovi stalli a pagamento con strisce blu delimitati negli ultimi giorni in città, realizzati con una delibera che integra e modifica la delibera del 2007 con cui venivano istituite per la prima volta le strisce blu in città. La precedente amministrazione aveva comunque ridotto il numero di stalli a pagamento di 56 unità, motivo per cui l’aumento odierno risulta contenuto.

In conferenza stampa l’assessore Felice Dierna ha replicato ad alcune notizie circolate in rete e frutto anche di comunicati stampa, in particolare, senza citarla, della consigliera Adriana Ricotta ex collega di partito dell’Udc. Per quanto riguarda la modalità di pagamento del parcheggio tramite l’applicazione “Easy Park” per smartphone e tablet, Dierna ha bollato come false le notizie che vedono applicate tariffe molto più basse in altre città. Si tratta dei costi di transazione bancaria (oltre a quelli di funzionamento dell’applicazione) che la società applica per ogni pagamento e sono pari a 19 centesimi per operazione e non più  24 centesimi. Secondo le notizie circolate in rete a Canicattì e Catania si pagherebbero 0,05 centesimi di euro.

Ma, è stato spiegato, si tratta di dati riferiti al 2016 perché dal 2017 Easy Park applica uniformemente su tutto il territorio nazionale la stessa tariffa, è stato spiegato. Dierna ha poi ribattuto a chi contestava l’adozione di provvedimenti relativi ai parcheggi a pagamento nel momento in cui è in discussione il regolamento da parte del Consiglio comunale. Sono due aspetti diversi, è stato spiegato, “non possiamo permetterci falsità in malafede, ma se qualcuno ha dubbi vada in Procura“.

“Posso capire i punti di vista diversi. Su questa tematica noi vogliamo mettere ordine, visto che prima avevamo due gestori e in alcuni parcheggi non si pagava. Abbiamo quindi deciso di implementare le strisce blu per migliorare la viabilità. Quando sento e leggo che c’è una mancanza di trasparenza non lo accetto. Significa essere in malafede e strumentalizzare. Adiremo le vie legali se ci sono estremi per la querela. Dico a questi signori che è giusto che vadano alla Procura“.

Sui costi di transazione della App “Easy Park l’assessore ha riferito della contestazione fatta alla società “Blu Line Srl” da parte del Comune e che “già da due giorni non si pagano più 24 centesimi ma 19 e la differenza tra le due cifre sarà rimborsata dal gestore”.

Sul piano tecnico è intervenuto il comandante della polizia Municipale, Diego Peruga, spiegando la ratio della rimodulazione delle strisce blu e le contestazioni fatte alla società Blu line service che gestisce gli stalli, circa il pagamento tramite App. La società, per contratto, doveva garantire almeno due modalità di pagamento, per questo motivo è stata invitata a farsi carico di almeno una parte dei 19 centesimi trattenuti da Easy Park agli utenti.

“Abbiamo effettuato la richiesta all’operatore economico in presenza della società che gestisce l’applicazione – ha detto Peruga – perché rispetto al nostro contratto, è necessario che l’operatore economico garantisca due modalità di pagamento. Essendo un obbligo, è necessario che una parte del costo della transazione sia assorbita dallo stesso soggetto gestore. Abbiamo ricevuto una disponibilità di massima e si sta verificando come ciò potrà avvenire per evitare che il costo di transazione ricada interamente sul consumatore finale”, ha detto Peruga.

Il comandante ha poi sottolineato che con la nuova gara non c’è più la disparità di trattamento tra parcheggi comunali e strisce blu. Per i primi il comune non incassava nulla. Adesso gli incassi per il comune sono aumentati di oltre il 40%.

Commenta su Facebook