Street rugby 3 vs 3: sport e divertimento, venerdì 8 giugno appuntamento alla Street Factory Eclettica 

373

Conclusa la stagione agonistica la Nissa Rugby prosegue nelle sue attività inerenti alla diffusione del rugby e dei valori che lo rendono unico. Nuovo appuntamento, venerdì 8 giugno a partire dalle ore 20 a Caltanissetta presso la Street Factory Eclettica per l’evento “Street Rugby”. L’occasione è utile per lanciare questa branca soft del rugby, che si gioca 3 contro tre, iscrizione libera ed aperta a uomini e donne. Presenti gli atleti del quindici nisseno e delle Cerbere.

Il tecnico Fabrizio Blandi sottolinea: “Abbiamo deciso di lanciare un nuovo format di rugby giocabile a tutte le età, veloce e spettacolare. Lo street rugby 3v3 vuole essere un modo per fare avvicinare il curioso e far divertire tutti, dal principiante all’esperto, anche grazie alla formula del toccato. Volevamo ringraziare Eclettica che sta organizzando con la Nissa e che farà da padrone di casa per l’evento. Per noi è importante poter continuare a dialogare con le realtà giovani e all’avanguardia del nostro territorio e trovare quelle sinergie per creare un circolo virtuoso tra l’attività sportiva, la società e le famiglie. Proprio queste ultime saranno le protagoniste di venerdì 8, con genitori e figli che si sfideranno in questo primo torneo cittadino. Sarà anche il modo per chiudere la stagione regolare con una festa ed una premiazione e dare il via alla stagione estiva nell’ottica di continuare a fare attività, sempre più attività”.

Federica Ciulla giocatrice Cerbere e responsabile eclettica evidenzia: “Street Factory Eclettica è lieta di collaborare con la Nissa Rugby ASD e le Cerbere della Femminile all’interno di un percorso formativo di aggregazione sociale, legati dall’interesse spontaneo di una crescita collettiva ponendosi come obbiettivo il processo di miglioramento della qualità della vita attraverso il divertimento della pratica sportiva. Venerdì 8 Giugno alle ore 20:00, il playground di Eclettica accoglierà il format “Street Rugby” come promotore della cultura delle discipline da strada per lavorare all’ampliamento della rete di partners siciliani con la sinergia dell’associazionismo giovanile, interessati ad investire sulla crescita del proprio territorio”.

Cosa unisce l’ambiente rotellistico al gioco del Rugby? “Da pattinatrice e giocatrice Cerbera, ritrovo il coraggio e il desiderio di confrontarsi con se stessi; la tolleranza al dolore e la pazienza; la capacità di accettare le sconfitte e la determinazione per raggiungere i successi realizzati.  Trascendono il fattore tecnico per essere una filosofia di vita in cui si sperimenta la caduta per rialzarsi più forti di prima”.

Sarà una serata di sport e divertimento all’insegna della palla ovale: non mancherà il “mitico” terzo tempo che sarà offerto dalla Nissa Rugby.

Commenta su Facebook