Strade provinciali disastrate, lo Snalv Confsal scrive al Libero consorzio e alla Prefettura

141

Il sindacato Snalv Confsal con una nota a firma del segretario provinciale Andrea Monreale e quello generale Manuel Bonaffini chiede urgentemente un incontro per discutere delle condizioni di degrado e abbandono in cui versano le strade provinciali, “un problema molto grave per i cittadini, per i mezzi di soccorso, per i trasportatori e per tutte le imprese del territorio, in quanto da anni non si eseguono  manutenzioni”.

E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Le principali arterie, ma anche quelle secondarie, risentono della mancanza di interventi di riparazione e quotidianamente presentano deformazioni del manto stradale, dossi ma soprattutto buche e crepe. Una situazione ormai insopportabile le cui conseguenze si riflettono innanzitutto sulla sicurezza e sulla pubblica incolumità, quindi sul disagio legato ai trasporti, soprattutto per mezzi pesanti, pullman e mezzi di soccorso.

“Il problema della sicurezza stradale – proseguono i due sindacalisti – non è cosa secondaria, le linee stradali di collegamento tra Caltanissetta e la gran parte dei centri del Vallone, devono attraversare inesorabilmente le strade provinciali. E’ inevitabile accorgersi dello stato di abbandono in cui versano le, sembra di percorrere le strade di un paese del terzo mondo, tra buche, alberi e siepi non potati, asfalto dissestato, consumato e con crolli parziali di alcuni tratti stradali. La situazione è grave, inutile nasconderlo, e non si capisce come tutto ciò non stimoli l’attenzione e la coscienza di chi è preposto per competenza ad intervenire in modo operativo e risolutivo”.

Il sindacato chiede anche di “adottare tutte quelle misure di prevenzione atte a che non si verifichino eventi calamitosi con gravi conseguenze a danno di chiunque si trovi nelle S.P. nissene, proprio per l’eventuale limitazione o blocco degli accessi ai mezzi di soccorso. Comprendiamo che le risorse economiche a disposizione della Provincia sono limitate e le necessità di interventi su tutto il territorio di propria competenza sono innumerevoli, ma non e’ giusto che chi vive in provincia e decide di rimanervi non debba avere quei servizi minimi che spettano ad ogni cittadino. Le Istituzioni preposte, devono intervenire, è troppo pericoloso andare su certe strade di Provincia e il territorio nisseno rischia l’isolamento”.

Lo Snalv chiede un incontro al Commissario Straordinario “consapevole dei tanti problemi dell’ente, ma determinato a ricercare soluzioni, anche in accordo con i soggetti istituzionali, nella convinzione che sulla viabilità sia urgente cambiare strada”.

Commenta su Facebook