Per strada picchia la compagna a calci e pugni e la cosparge di alcol: 52enne nisseno arrestato dalla polizia

660

Ieri sera, intorno alle 21.00, nel Capoluogo nisseno i poliziotti della sezione volante hanno tratto in arresto Maurizio Salute, poiché colto nella flagranza di reato di lesioni personali e porto abusivo di coltello. L’uomo, poco prima dell’intervento degli agenti, in Piazza della Repubblica, ha prima aggredito e poi cosparso di alcool la propria convivente. L’aggressore ha desistito dal gesto e si è allontanato con la propria autovettura poiché alcuni testimoni, sentite le urla della donna, hanno chiamato il 113. L’equipaggio di una volante, giunto sul posto, ha trovato la donna, dolorante e visibilmente scossa, raccogliendo la sua testimonianza. La vittima ha riferito che, poco prima, per futili motivi, mentre si trovava all’interno della propria auto, era stata aggredita con calci e pugni dal compagno il quale, per farla scendere dall’auto, la tirava per i capelli. Un gruppo di ragazzi è intervenuto in soccorso della donna, ma l’uomo, dopo averli aggrediti verbalmente, ha continuato ad inveire contro la donna, cospargendole il viso di alcol. Quest’ultima, terrorizzata dal gesto dell’uomo, credendo che lo stesso potesse darle fuoco, si è messa a urlare e, anche grazie al supporto del gruppo di ragazzi corsi in suo soccorso, l’aggressore si è allontanato con la propria auto in direzione centro città. I poliziotti, diramata la nota di ricerca del fuggiasco, poco dopo, lo hanno raggiunto e tratto in arresto. In questura l’arrestato ha confermato la versione della vittima e, dopo le formalità di rito, su disposizione del P.M. di turno è stato condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. A seguito della perquisizione, all’uomo sono stati sequestrati due accendini, un coltello a serramanico e un contenitore di alcool trovato all’interno del cofano dell’auto. La donna è stata prima visitata e refertata con prognosi di cinque giorni presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta e, in seguito, in questura ha formalizzato denuncia/querela nei confronti dell’aggressore.

Commenta su Facebook