Stile di vita mediterraneo, nuova tappa del parco mondiale con cinque giorni di incontri a Caltanissetta

“Tradizione, Innovazione e Generatività” è il titolo della manifestazione di cinque giorni con 10 sedute in programma che si terranno a Caltanissetta al Teatro Margherita nei giorni del 27 e 28 novembre e del 2, 3 e 4 dicembre, dalle ore 9.30 alle 18.30.

“E’ la quinta tappa per la promozione operativa del Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo, per il quale siamo impegnati dal 3 marzo 2020, in piena fase Covid, con l’attivazione da parte del Comune di Caltanissetta dell’Assessorato alla Crescita Territoriale” spiega l’assessore Francesco Nicoletti.

Le tappe precedenti sono state l’elaborazione dell’idea forza e della strategia progettuale del Parco; l’elaborazione del dossier progettuale; l’attivazione formale e complessa del partenariato pubblico privato e sociale che vede già presenti oltre 100 Comuni, 130 soggetti pubblici, privati e sociali; l’attivazione e consolidamento delle relazione istituzionali con vari livelli governativi ai fini del supporto istituzionale e finanziario del progetto.

“Questa quinta tappa – prosegue Nicoletti – è finalizzata ad una conclusiva definizione dell’identità e dell’assetto organizzativo, giuridico e funzionale del Parco che procederà dalla formula preliminare dell’associazione alla fondazione di comunità.”.

Tra gli argomenti in discussione il modello, governance ed organizzazione del Parco. Il secondo giorno si parlerà di requisiti di accesso al Parco e standard richiesti. Il terzo si parlerà di comunità e nuovi stili di vita, il quarto di valorizzazione tra la cultura intangibile e le eccellenze locali infine il quinto di formazione dello stile di vita mediterraneo.

Negli incontri mattutini sarà presente un parterre di caratura nazionale e internazionale. Tra gli altri prof. Stefano Zamagni, il prof. Federico Butera, il prof. Girolamo Lo Verso, il prof. Carlo Borgomeo, il dott. Antonio La Spina, il dott. Lecardane, il dott. Cesare Mazzetti, il dott. Tommaso Pellegrino, S.E. Mons. Domenico Pompili, la prof.ssa Elisabetta Moro, il prof. Giovanni Puglisi, il prof. Nicola Perullo, il prof. Adriano Sella. Per le Istituzioni il sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, il presidente della Regione Nello Musumeci, l’Assessore regionale alla formazione Roberto La galla, il vicepresidente dell’ARS Angela Foti, il prefetto Chiara Armenia, il Sindaco di Campodipietra Giuseppe Notartomaso, il Sindaco di Acquaviva delle Fonti Davide Carlucci, i Sindaci di Agrigento ed Enna ed i Liberi Consorzi di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, S.E. Vescovo Mons. Mario Russotto, i Rettori delle Università degli Studi di Palermo, Catania ed Enna, i Presidenti dei Consorzi Universitari di Agrigento, Caltanissetta e Ragusa, le Accademie delle Belle Arti di Catania e Palermo.

Relatori territoriali come il prof. Aurelio Angelini, il prof. Massimo Todaro, il dott. Fabio Di Francesco, il prof. Francesco Sottile, il prof. la dott.ssa Giulia Carciotto, il prof. Paolo Inglese ed il prof. Ferdinando Trapani. “Nelle tavole rotonde pomeridiane, invece, dibatteranno insieme del Parco e dei singoli temi affrontati nelle mattine tantissimi soggetti portatori di interesse sia di livello regionale che locale (Comuni, Associazioni, Sindacati, Confederazioni, Reti di imprese, Club service, Organizzazioni, Distretti produttivi, Consorzi ed Enti di ricerca, Curia, Parchi, Istituti, Imprese, Enti pubblici, Soprintendenze, Distretti turistici, Fondazioni, Camere di commercio, Università ed altri). La buona costruzione di questo seminario è dovuto anche all’integrazione del percorso promozionale del Parco con il progetto Interreg Md.net, che vede il Comune di Caltanissetta come capofila siciliano del progetto all’interno di una vasta rete formata da 13 partner del Mediterraneo con 9 paesi coinvolti (Italia, Portogallo, Croazia, Creta, Bosnia-Erzegovina, Spagna, Slovenia, Albania, Cipro), il quale è la proiezione internazionale del progetto del Parco e che ha permesso un utile supporto organizzativo e finanziario esterno per lo svolgimento delle giornate”.

Commenta su Facebook