Stalking. Si introdusse a scuola di un’insegnante, condannato a un anno e otto mesi

816

Si era introdotto nella scuola dove insegna la donna di cui si era invaghito, appendendo un lenzuolo con scritto “I Love you”. Era solo l’ultimo di una serie di atti persecutori messi in atto. Adesso per il buterese O. C. di 41 anni è scattata la condanna a un anno e otto mesi di reclusione per stalking, inflittagli dal Gup, Marcello Testaquadra, che lo ha giudicato con il rito abbreviato.

L’uomo aveva letteralmente tormentato l’insegnante nissena con messaggi, soprattutto su facebook, omaggi floreali e regali e, pare, anche minacce per indurla ad accettare le avances. L’epilogo si ebbe con la plateale dichiarazione nella stessa scuola dove la donna insegna. Tanto da far scattare le manette, nel settembre del 2016. Dal processo sono emerse le sue responsabilità. Ma nel frattempo l’uomo è stato ricoverato in una casa di cura. Dovrà risarcire anche la somma di cinquemila euro.

Commenta su Facebook