Stalking a Niscemi. Operaio arrestato dalla Polizia. Ossessionava moglie e figli nonostante già condannato

474

Stalking al telefonoUn operaio di 44 anni, Giuseppe Ticli, è stato arrestato dalla polizia a Niscemi. Nonostante una condanna a sei mesi di reclusione, già rimediata per stalking nei confronti dell’ex moglie, con divieto di avvicinamento ai luoghi da lei frequentati, è tornato a perseguitarla, di giorno e di notte, per convincerla a tornare insieme. All’uomo sono stati concessi gli arresti domiciliari dal GIP. Gli investigatori hanno raccolto una serie di prove a carico dell’uomo, con la collaborazione della vittima, che ha dichiarato di avere temuto in certi momenti per l’incolumità propria e per quella dei suoi figli. In alcuni casi la donna ha subito lesioni medicate in ospedale. Secondo quanto accertato il comportamento dell’uomo nei confronti della ex moglie sarebbe stato caratterizzato anche da minacce, molestie telefoniche, pedinamenti, ingiurie, appostamenti sul luogo di lavoro, o comportamenti molesti sotto casa, costringendo la donna a cambiare profondamente le proprie abitudini di vita.

Commenta su Facebook