Ss122bis sempre più pericolosa. “Non opere faraoniche, serve manutenzione. Il sindaco intervenga”

619

Non servono opere faraoniche, o almeno, per mettere in sicurezza la Ss122bis divenuta sempre più pericolosa si potrebbe intanto approntare un progetto di manutenzione, eliminando il rischio che corrono migliaia di automobilisti ogni giorno. E’ la proposta del leader di Caltanissetta Protagonista, Michele Giarratana che nella nota pubblicata di seguito fornisce all’Amministrazione anche un computo metrico degli interventi. Con poco meno di 90 mila euro si potrebbe intanto intervenire.

“Adesso basta. Il Sindaco deve intervenire immediatamente a mettere in sicurezza il tratto comunale della SS.122 bis che da Via Borremans porta all’ingresso della bretella dell’autostrada. L’unica strada che di fatto collega Caltanissetta direttamente alla rete autostradale e che consente di raggiungere affollate periferie della città e diversi comuni del circondario, non può essere lasciata al suo destino in attesa di chissà che cosa. Troppi sono i rischi e i pericoli che gli automobilisti corrono giornalmente. Non vogliamo entrare nel merito di argomenti come opere di compensazione, competenze, intese, protocolli, etc. Il punto è uno e uno solo. Bisogna intervenire immediatamente per rendere quella strada agibile, transitabile, sicura. Non servono opere faraoniche ma semplicemente di interventi di manutenzione. Troppi mesi, ormai anni, sono trascorsi da quando ci hanno detto che il famoso viadotto Sant’Elia era pericolante per cui andava chiuso, ci vogliamo credere, ma non è certo questa una ragione perché il Comune non debba intervenire per rendere quella strada sicura. Non c’è giorno che un automobilista non rompa uno pneumatico, un cerchio, un semiasse. Non c’è momento in cui non si rischi di finire nel vallone adiacente. Si deve per forse aspettare il morto per intervenire?

Non riusciamo davvero a capire perché non si possa immediatamente procedere a dei lavori. Eppure per fare un minimo di manutenzione a quella strada in attesa di interventi più radicali, non servono grandi somme. Non dovessero bastare i fondi disponibili nel capitolo della manutenzione stradale, visto che siamo in presenza di gravissimi e urgentissimi interventi straordinari si potrebbe comunque attingere al fondo di riserva. Ci vuole tanto? Perché non lo si fa? Non soltanto; in questi casi un Sindaco e degli uffici che siano determinati potrebbero attivare procedure di urgenza per l’appalto senza ricorrere a gare, garette, manifestazioni d’interesse e quant’altro, ricorrendo all’art. 163 del Codice degli Appalti. L’importo massimo per questo tipo di interventi ammonta a 200mila euro e siccome le somme che servono sono decisamente inferiori si potrebbe procedere immediatamente all’effettuazione dei lavori.

Vi indichiamo in estrema sintesi i costi, estrapolando i dati da un preciso computo metrico estimativo che possiamo produrre:

Despugliamento, pulizia a margine della sede stradale € 4.672,00

Scarificazione tratti stradali che presentano rilievi, gobbe, etc. per circa mt. 200 € 6.282,00

Collocazione tappetino per un totale di circa mt. 1.000 € 62.100,00

Collocazione guard rail per circa mt. 200 € 6.142,00

Rifacimento segnaletica orizzontale per 3,2 km € 4.992,00

Competenze tecniche, sicurezza e spese varie € 5.314,00

Per un totale di € 89.502,00

Se poi queste spese, soggette a ribasso, si ritengono essere di competenza di altri, per cui a questi andrebbero addebitati mostrando il muso duro, allora ci troveremmo di fronte ad un’Amministrazione seria e veramente determinata. Vabbè, lasciamo perdere, si pensi senza indugi a sistemare la strada”.

Caltanissetta, 30 novembre 2017 Michele Giarratana

Commenta su Facebook