Sprangate al portone di casa dei genitori dell’ex fidanzata. 22enne sancataldese spara a salve ai Carabinieri

2422

Ha provato a sfondare la porta di casa dei genitori dell’ex fidanzata, in via Pilato a San Cataldo, con una grossa spranga in ferro e all’arrivo dei Carabinieri, in piena notte, ha puntato una pistola scacciacani senza tappo rosso, esplodendo anche un colpo, rischiando che i militari gli sparassero, se solo non avessero mantenuto calma e freddezza come hanno fatto.

Pistola scacciacani
La pistola scacciacani

Questa notte i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Caltanissetta, guidati dal Maresciallo Liccardo Salvatore, hanno tratto in arresto in flagranza di reato Giuseppe Biancheri, 22enne di San Cataldo, già gravato da precedenti di polizia, per i reati di minaccia aggravata, porto di oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale.

Intorno alle tre di notte è pervenuta la richiesta di aiuto al 112 da parte di un privato cittadino, che segnalava nel centro di San Cataldo un uomo armato di bastone in ferro che colpiva ripetutamente il portone di un’abitazione.

Giunti sul posto i Carabinieri si sono imbattuti nell’uomo, in evidente stato di ebbrezza alcolica, che in via Pilato stava cercando di sfondare una porta a colpi di spranga. Alla vista dei militari, l’uomo ha gettato in terra la spranga e ha impugnato una pistola, verificata successivamente essere una pistola scacciacani, esplodendo verso i Carabinieri un colpo, fuggendo poi nelle vie adiacenti.

la spranga utilizzata
la spranga utilizzata

Solo grazie al sangue freddo dei Carabinieri non si è consumata una tragedia; i militari infatti non hanno risposto al fuoco, pur non potendo sapere nell’immediatezza dei fatti che la pistola fosse una scacciacani. Ne è nato un breve inseguimento a piedi, conclusosi in via Bannò, dove i militari hanno raggiunto e bloccato Biancheri, trovandolo ancora in possesso della pistola scacciacani, priva di tappo rosso e di ogni segno di riconoscimento.

Ne è nata una brave colluttazione fra l’arrestato e i militari, durante la quale nessuno ha riportato lesioni tali da dover ricorrere alle cure del Pronto Soccorso.

L’uomo è stato condotto presso la caserma di Caltanissetta e dichiarato in stato di arresto.

Bancheri, completamente ubriaco, si era recato in via Pilato per minacciare di morte i genitori della sua ex ragazza, con la quale da poco si era interrotta una relazione sentimentale, cercando di sfondare la porta dell’abitazione.

La spranga in ferro e la pistola sono state recuperate e poste sotto sequestro.

L’uomo è stato ristretto in regime degli arresti domiciliari nella sua abitazione a San Cataldo, in attesa del processo con rito direttissimo, così come disposto dalla Procura di Caltanissetta, ed ha nominato l’avvocato di fiducia Liborio Pastorello del foro di Caltanissetta.

Foto in copertina: Archivio

Commenta su Facebook