Sport, Nissa. Quello stadio pieno e l’anno della svolta con la promozione in serie C

398

Ha suscitato commozione ed ha sollecitato i ricordi di tanti nisseni, soprattutto sportivi e appassionati di calcio, la scomparsa sabato scorso all’età di 82 anni dell’ex presidente della Nissa, Giovanni Piazza (il secondo da sx nella foto di copertina). Piazza era stato anche giocatore di basket della Lavespress. Presidente del sodalizio biancoscudato dal 1978 al 1983, Piazza è stato parte della dirigenza per un decennio insieme a Liborio Savoja e Antonio Tirrito. Erano gli anni della Nissa in serie C2, promozione ottenuta nel campionato 83/84.

“Certamente è stato un presidente con grande personalità, tant’è che ha portato la Nissa dal dilettantismo al profesisonissmo, ci ha messo l’anima. Non possiamo dimenticare qugli anni”. A parlare è Raimondo Lupo che svolgeva il ruolo di segretario nella società.

“La Serie C riempiva lo stadio, è anche capitato che in una partita c’era il pienone e non si trovava posto in piedi e ho dovuto rimborsare personalmente il biglietto agli spettatori rimasti fuori”.

L’anno della retrocessione in serie D dal campioanto Interregionale e il ripescaggio fu quello della svolta.

“Con Piazza avevamo un buon rapporto, ci confrontamavamo anche nel fare gli acquisti dei giocatori. Eravamo molto in sintonia. Ricordo che quando siamo retrocessi in serie D e poi ripescati abbiamo fatto acquisti mirati. Prima di tutto l’allenatore Giovanni Gennari e poi diversi giocatori come Giudici, anche lui purtroppo scomparso, Tripi, Italia, Pensabeene. I frutti si sono visti: da una retrocessione l’anno precedente, siamo stati ripescati e abbiamo vinto il cmapionato”.

PS: Si ringrazia Catena Savoja per il contributo fotografico

Commenta su Facebook