Sottratto al degrado finalmente rinasce un isolato della Provvidenza. Consegnate le case ai legittimi assegnatari

Venerdì mattina l’amministrazione comunale di Caltanissetta ha consegnato le chiavi di casa alle famiglie assegnatarie degli alloggi realizzati nel quartiere Provvidenza nell’ambito del progetto pilota. Un progetto avviato dalla giunta Campisi (il cui finanziamento iniziale era stato addirittura ottenuto dalla giunta Mancuso) che giunge finalmente a termine con l’atto finale di immissione in possesso dei 10 mini appartamenti in un’area del quartiere sottratta al degrado. Il sindaco Roberto Gambino ha invitato la stampa per la cerimonia di consegna.

“Questo progetto parte da lontano. Non è un progetto pilota sotto il profilo architettonico ma sotto l’aspetto politico perché tende ad individuare nuove forme di abitare all’interno del centro storico. Sono 10 alloggi ciascuno con impianto fotovoltaico privato, con cappotto termico e coibentazione a norma di legge”, spiega Gambino che prima di diventare sindaco era stato direttore dei lavori in quanto funzionario dell’ufficio tecnico.

“E’ un progetto moderno dove le persone possono vivere in modo consono. Tutte le famiglie erano felicissime e noi lo siamo più di loro. Ci sono gli spazi esterni perché nel perimetro dell’isolato abbiamo creato i cortili, i parcheggi, un prato e quindi luoghi di aggregazione. L’inquadramento architettonico è rimasto com’era e all’interno sono stati ricavati questi spazi. Uno dei locali del piano terra è stato assegnato alla direzione cultura e lì si faranno laboratori di quartiere, un avamposto alla Provvidenza in cui lavoreranno gli uffici dei servizi sociali, l’ufficio cultura, l’Uepe e l’istituto penale minorile. A breve sarà collocata una scultura realizzata nell’ambito di un progetto dell’artista Carlo Sillitti realizzato insieme all’ufficio esecuzione penale esterna”.

Commenta su Facebook