Sopralluogo del Circolo PD "Faletra" a S.Barbara. I problemi individuati e le soluzioni proposte all'amministrazione

762

Nei giorni scorsi il Circolo Pd “Guido Faletra” ha avviato una campagna di ascolto nei Quartieri della città, per toccare con mano i problemi e le esigenze dei cittadini, e risolvere gli aspetti più critici insieme all’amministrazione attiva.
image5Il gruppo, unitamente ai due consiglieri comunali Francesco Dolce e Annalisa Petitto, ha effettuato il primo sopralluogo nel Villaggio Santa Barbara, insieme ai rappresentanti del Comitato di Promozione Umana Antonino Faraci e Giuseppe Cassetti, il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Prof. Mario Cassetti, Giancarlo Bruccheri (Associazione Sportiva Dilettantistica “Angelo Bruccheri”) e Nicola Di Mauro (Associazione Polisportiva Agape).
“Ad ognuno di loro – spiga in una nota il Circolo PD Faletra – vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per la disponibilità e per il prezioso lavoro che quotidianamente svolgono al servizio dei cittadini”.
“Purtroppo, i problemi emersi durante la visita sono moltissimi. Riteniamo necessario segnalarli ai media per focalizzare l’attenzione sui disagi che gli abitanti di Santa Barbara quotidianamente affrontano e, contestualmente, attraverso l’iniziativa dei nostri consiglieri Dolce e Petitto, sollecitare l’amministrazione ad attivarsi per prendere adeguate misure risolutive”.image4
“Il Quartiere è scarsamente illuminato e ciò comporta problemi per la sicurezza e per il decoro di tutti i cittadini che dopo il tramonto affrontano con timore la frequentazione delle zone più isolate. D’altra parte, sono molto frequenti le notizie di furti e azioni vandaliche favorite dal buio e dalla scarsa o assente illuminazione: ultima in ordine di tempo l’intrusione nell’asilo nido, con razzia degli alimenti destinati alla mensa oltre ad altro materiale in dotazione alla stessa Scuola.
Chiediamo al Sindaco e all’assessore competente di attivarsi quanto prima per eliminare questo disagio che non richiede l’impiego di grandi risorse economiche”.
“Si pone inoltre con particolare urgenza un intervento immediato per la disinfestazione dalle erbacce, non solo intorno all’edificio in questione, ma nell’intero Villaggio, visto che il caldo estivo aumenta il rischio di incendi e favorisce il proliferare di pericolose infestazioni di parassiti (zecche, roditori ecc.), pericolosi per la salute dei bambini e degli adulti, con possibili focolai di malattie evitabili con un minimo di igiene preventiva”.
image2“Nel Villaggio andrebbe inoltre assicurata la presenza costante di un presidio della Polizia Municipale (presente fino a poco tempo fa) per prevenire ulteriori episodi di micro-criminalità e scoraggiare i malintenzionati, rassicurando gli abitanti con una presenza confortante”.
“Sarebbe inoltre opportuno verificare la possibilità, di concerto con l’ASP, di fornire al Villaggio il servizio di ambulanza per il “trasporto primario” dei pazienti. Tale servizio, considerata la distanza dal P.O. Sant’Elia, sarebbe di fondamentale importanza poiché servirebbe un ampio bacino d’utenza per un’area che comprende Capodarso, Firrio a via Xiboli”.
“Un altro problema rilevante che abbiamo avuto modo di discutere con il Comitato di Promozione Umana è la depurazione delle acque reflue provenienti dal Villaggio e da tutto il circondario, che non risultano essere sottoposte al trattamento di depurazione e verrebbero scaricate nel torrente a valle che poi confluisce nell’Imera. Tutto questo nonostante tutte le famiglie continuino image6regolarmente a pagare gli oneri per il trattamento dei reflui”.
“Su questo aspetto molto delicato e grave, anche per aspetti igienico-sanitari ed ambientali, i nostri consiglieri chiederanno un immediato intervento per la verifica di quanto segnalato e per la messa in atto tempestiva delle necessarie azioni di ripristino”.
“Da parte del Dirigente Scolastico Arch. Mario Cassetti e dai responsabili del Comitato è stata inoltre richiesta l’istituzione di un orto didattico negli spazi disponibili nelle adiacenze dell’Istituto, per garantire anche agli alunni del Villaggio questa importante esperienza come già avviene in altre Scuole della città”.
“Tematiche che certamente richiedono più tempo e risorse, sono i recuperi edilizi.
In primis, quello del disastrato Campo di Atletica, costruito proprio sulle Maccalubbe (i vulcanelli), che come era prevedibile, è andato in malora con l’annessa costruzione di pertinenza, per molti anni occupata abusivamente, e che oggi potrebbe invece essere recuperata.
Recuperabile anche l’area ex Sorim, posta proprio all’ingresso del Villaggio e del cui recupero si era parlato negli anni passati, prima che il fuoco distruggesse al suo passaggio quanto ancora testimoniava dell’archeologia industriale del secolo 19.mo.
Un’ultima proposta di recupero edilizio da discutere riguarda l’area all’uscita del Villaggio verso Capodarso, sede della cabina di trasformazione dell’Enel, anche questa abbandonata e segnata da incendi.
Con un opportuno progetto di ristrutturazione, insieme agli edifici annessi, potrebbe essere utilmente sfruttata come sede per progetti di utilità pubblica, con fini da decidere e concordare (ad es. Info-point turistico al servizio della Riserva orientata Valle dell’Imera?).
Come si vede, sono una grande quantità le emergenze e i progetti da realizzare, alcuni con un impegno minimo e la buona volontà del fare, altri da avviare nel medio periodo ed altri ancora da discutere coinvolgendo gli abitanti del Villaggio.
Il Circolo del PD “G.Faletra” terrà desta l’attenzione della amministrazione attiva perché si avviino a soluzione i problemi”.
Circolo PD “G. Faletra” e i consiglieri comunali Francesco Dolce e Annalisa Petitto

Commenta su Facebook